CRONACA - MONDO

pakistan

In salvo Francesco, l'alpinista ferito: "È stato un miracolo"

Quattro alpinisti lo hanno raggiunto a quota 6.200 metri e portato più giù, in una zona in cui poteva operare senza rischi l'elicottero di soccorso
francesco cassardo a destra e cala cimenti (foto facebook)
Francesco Cassardo, a destra, e Cala Cimenti (foto Facebook)

È stato portato in salvo Francesco Cassardo, l'alpinista torinese rimasto ferito ieri scivolando per 500 metri mentre scendeva dal Gasherbrum VII, in Pakistan.

I soccorritori sono riusciti a portarlo ad una quota più bassa, nel Campo Uno, con quello che è stato definito uno "sforzo incredibile".

Questa mattina, quando a Islamabad erano le 5.30, è partito l'elicottero messo a disposizione dalle autorità pakistano. Ha preso Francesco e lo ha portato in salvo, ora l'alpinista è in ospedale. "Sta meglio di quanto temuto", fa sapere la Farnesina. Cassardo ha qualche frattura, ma le sue condizioni non sono gravi.

Lo ha annunciato il compagno di cordata Cala Cimenti: "Francesco è sull'elicottero verso Skardu, io scendo a piedi".

Quattro alpinisti - due polacchi, un canadese e un russo - sono saliti dove era rimasto ferito e intrappolato Cassardo, lo hanno recuperato dai 6.200 metri e portato fino al Campo Uno, a un'altitudine a cui poteva essere raggiunto dagli elicotteri di soccorso.

"Don, Janusz e Jaroslaw hanno fatto un miracolo", ha detto il russo Denis Urubko, che il miracolo lo ha fatto insieme a loro.

(Unioneonline/L)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...