CRONACA - MONDO

Caso ciatti

Italiano pestato a morte in Spagna, a processo solo uno dei tre aggressori

Il lottatore 26enne ha sferrato il calcio che ha ucciso il giovane fiorentino
niccol ciatti (ansa)
Niccolò Ciatti (Ansa)

Il pm spagnolo di Blanes ha chiesto il rinvio a giudizio per omicidio volontario per uno solo dei tre giovani ceceni coinvolti nel pestaggio che causò la morte di NiccolòCiatti, 22 anni, originario di Scandicci (Firenze), nell'agosto 2017 in una discoteca di Llores de Mar.

Si tratta del lottatore 26enne RassoulBissultanov, che per motivi di sicurezza ha seguito l'udienza dal carcere.

È stato lui infatti a sferrare l'ultimo calcio mortale contro il giovane italiano, quando era già a terra.

Per gli altri due, Movsar Magomedov e Khabibul Kabatov, il pubblico ministero ha chiesto l'archiviazione provvisoria, istituto del diritto spagnolo che consente di rinnovare l'imputazione qualora emergano elementi nuovi durante il dibattimento.

Le richieste sono state fatte questa mattina nell'udienza tenuta davanti al giudice istruttore del tribunale di Blanes.

Erano presenti due dei tre indagati e la famiglia di Niccolò Ciatti.

Il giudice si è riservato la decisione sul rinvio a giudizio e dovrebbe emettere sentenza entro la fine di luglio.

"Avevamo due dei ceceni che hanno partecipato all'omicidio di mio figlio a soli 2 metri da noi, d'impeto avrei voluto alzarmi e andare davanti e urlargli 'siete degli assassini'. Ma mi sono trattenuto nonostante il nostro dolore devastante", ha commentato Luigi Ciatti, padre della vittima.

"Non avevano nessuna espressione nello sguardo, hanno avuto un comportamento freddo e indifferente. Questi sono coloro che hanno ucciso mio figlio", ha concluso.

(Unioneonline/F)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...