CRONACA SARDEGNA - PROVINCIA DI CAGLIARI

temptation island vip

"Basta: denuncio chi infanga la dignità di Serena"

Elga Enardu difende la sorella che partecipa al reality a Is Morus con il fidanzato Pago
serena enardu insieme al fidanzato (foto l unione sarda)
Serena Enardu insieme al fidanzato (foto L'Unione Sarda)

Una è lì, nel resort Is Morus, l'altra qui, a cinquanta chilometri di distanza. Serena vive il suo reality sotto il sole di Santa Margherita, Elga invece affronta la realtà fuori dallo schermo, combattendo gli insulti e le offese lanciate in quantità industriale sui social contro la sorella. «Querelo tutti, voglio fare giustizia e difendere la sua dignità in tribunale», dice Elga Enardu, gemella di Serena, ex troniste di Uomini e Donne. Al suo fianco c'è l'avvocata Monica Puggioni, che ha preparato il fascicolo con tutti i messaggi da spedire in Procura. «Tutto questo è trash», dice Elga, «procederemo per diffamazione e calunnia», aggiunge la legale.

Il caso

Le gemelle Enardu, 43 anni, di Quartu, sono le protagoniste di questo scorcio d'estate: Serena, già si sapeva, in veste di concorrente di Temptation Island Vip. Con il fidanzato-cantante Pago (all'anagrafe Pacifico Settembre) ha deciso di intraprendere questo "viaggio dei sentimenti" presentandosi fin dalla puntata di esordio, lunedì scorso, come una coppia di primo piano nello show. Elga progettava di godersi lo spettacolo sul divano di casa e invece si è vista puntare i riflettori dopo aver preso le parti della sorella, infangata sul web da accuse irripetibili. Critiche scatenate da un post su Instagram dell'ex fidanzato, Giovanni Conversano, capitolo d'amore nato sui troni di Maria De Filippi e chiuso ormai da anni. «Ho tentato di abbassare i toni - spiega Elga - chiedendo di non commentare e ignorare le storie di quel povero sfigato che cerca ancora di grattare un po' di visibilità grazie a Serena e non perde l'occasione di sfruttare ogni situazione, sia frivola o delicata. Tutto nasce dal video che riprende Serena in braccio al suo tentatore, Alessandro, che la butta in mare per una penitenza in un gioco del programma: immagini delle quali approfitta Conversano per farsi avanti, accusando mia sorella di averlo tradito quando invece è provato che il traditore è stato lui. Una bugia che ha scatenato e alimentato le reazioni di sconosciuti sul web, parole denigratorie che feriscono me, i miei genitori e mia sorella, ancora ignara di tutto, visto che tutti i partecipanti di Temptantion non potranno varcare la soglia del resort finché dura il programma».

I post

Quasi 800 sono i messaggi sul profilo di Serena. Tanti altri sono finiti su quello del figlio quattordicenne e della gemella. «Frasi offensive, parole volgari, epiteti indicibili scritti dai leoni da tastiera che pensano di farla franca», dice Elga, pregando di non ripetere quelle parole, cucite addosso a tante donne solo per cattiveria. «Non sono manifestazioni di pensiero, è normale criticare personaggi pubblici ma quel che è successo è un abuso della parola che ferisce più di una coltellata. Mia sorella ha la libertà di verificare la solidità della sua relazione, ed è in nome di questa libertà, parola con la quale siamo cresciute in famiglia, che scendo in campo ora, difendendo nella sede idonea la dignità e reputazione di Serena, vittima di un'aggressione senza ragioni davanti alla quale non posso restare indifferente». Epiteti volgari letti dal figlio, anche lui coinvolto nella polemica social. «L'hanno sconvolto», seppure lui stesso si sia mostrato all'altezza di replicare a Conversano con un altro post: «Sei tu che hai tradito mia madre».

Vie legali

L'avvocato è pronto ad occuparsi del caso. «Stiamo raccogliendo tutti i messaggi», fa sapere Monica Puggioni, «siamo preoccupati anche per l'effetto psicologico che possono avere su Serena: lei è ancora lì, a Is Morus, non si aspetta l'exploit tv del suo ex, non può difendersi ed è una vittima. Consegneremo il fascicolo in tribunale, ravvisando in quel che è accaduto la diffamazione e la calunnia. Dobbiamo far tacere queste voci perché incitano il pubblico alla violenza, proprio contro Serena: chi ha letto i messaggi capisce bene perché la famiglia ha deciso di agire e non passarci sopra, in un momento in cui si invita il Paese a combattere la violenza contro le donne».

L'ex fidanzato

L'ex tronista ha aperto il valzer degli insulti con il post su Instagram, nel quale giudica il feeling di Serena con il suo tentatore. «È sempre stata questa, non mi meraviglio», sono le parole di Giovanni, «per lei va bene tutto, basta che respiri». Parole che Elga, sposata con Diego Daddi, altro tronista di Uomini e Donne, non lascia passare: «Possiamo scegliere il meglio per noi. Nulla sappiamo di quel che sta succedendo nel programma perché, come da regolamento, i concorrenti sono isolati, senza cellulare o tv. So però che mia sorella, come qualsiasi donna, deve avere la libertà di scegliere come comportarsi e il compagno. Il mio messaggio è rivolto anche a chi ci conosce perché ricordi chi siamo state per quarant'anni. Il mio intervento è un atto estremo per difendere un iter di vita che mai è caduto nella volgarità. Ecco perché querelerò chi ci insulta, vigliacchi della tastiera».

Carla Raggio

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...