CRONACA SARDEGNA - NUORO E PROVINCIA

dal comune

Macomer, in arrivo le borse di studio per gli studenti meritevoli

"Per la nostra amministrazione è molto importante valorizzare il merito e le potenzialità degli studenti"
tiziana atzori assessore comunale all istruzione (foto l unione sarda nachira)
Tiziana Atzori, assessore comunale all'Istruzione (foto L'Unione Sarda - Nachira)

Il Comune di Macomer ha stanziato le borse di studio per gli studenti meritevoli, che saranno erogate nei prossimi giorni.

Quest’anno il finanziamento complessivo pari a 6.500 euro, suddiviso per 51 borse di studio relative all’anno scolastico 2018/2019, è stato incrementato di 1.400 euro rispetto allo scorso anno.

Ventinove borse sono destinate agli studenti della scuola secondaria di primo grado, di cui 10 del valore nominale di 70 euro, riservate agli studenti delle prime e seconde classi e 19, ciascuna dell’importo di 100 euro, per le terze classi. Le altre 22 borse andranno agli studenti della scuola secondaria di secondo grado (10 sono riservate agli studenti dalla prima alla quarta superiore con valore di 150 euro ciascuna, 12 per chi ha conseguito la maturità e valgono 200 euro l’una).

Possono usufruirne i residenti nel comune di Macomer, che hanno conseguito alla fine dell’anno una media non inferiore ai 9/10. Per gli studenti delle superiori che hanno conseguito il diploma, occorre una votazione non inferiore ai 98/100.

Le borse di studio, istituite 4 anni fa per iniziativa dell’assessore all’Istruzione, Tiziana Atzori, sono molto apprezzate dagli studenti, maggiormente incentivati all’impegno negli studi.

"Per la nostra amministrazione – spiega l’assessore Atzori - è molto importante valorizzare il merito degli studenti, le loro potenzialità, sia innate che sudate nel tempo affinché l’istruzione venga concepita come una difesa dallo sfruttamento, uno stimolo fondamentale per l’economia e il lavoro, un incentivo alla pratica della legalità e del rispetto verso l’altro e, soprattutto, come una vera e propria palestra di vita".

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...