CRONACA SARDEGNA - CAGLIARI

i lavori

Commissione insularità, prossimo obiettivo: la Macroregione del Mediterraneo occidentale

Presentata la relazione annuale del Parlamentino
una delle passate riunioni della commissione insularit (archivio l unione sarda)
Una delle passate riunioni della Commissione insularità (Archivio L'Unione Sarda)

Dopo l'approvazione, all'unanimità, della proposta di legge nazionale sulle "Misure straordinarie finalizzate alla compensazione dei costi dell'insularità della Sardegna", la Commissione speciale per il riconoscimento dell'insularità - presieduta da Michele Cossa (dei Riformatori) prosegue il suo lavoro con, tra i prossimi obiettivi, quello di realizzare una Macroregione del Mediterraneo occidentale con la Sardegna capofila.

È quanto anticipato oggi, nel corso di una conferenza per presentare la relazione annuale della Commissione, nata nel novembre 2019.

Il presidente del Consiglio regionale, Michele Pais, si è complimentato con Cossa e con tutti i componenti della Commissione e ha ripercorso tutte le tappe del Parlamentino (dall'audizione alla Commissione Affari costituzionali del Senato sul disegno di legge costituzionale 865, che prevede il reinserimento del principio di insularità in Costituzione (articolo 119), alla lettera al presidente del Parlamento Europeo David Sassoli).

La proposta di legge nazionale appena approvata, ha spiegato Cossa, non solo non va in contrapposizione con quella di modifica costituzionale, ma ha l'obiettivo di anticipare gli effetti della modifica in Costituzione.

Il prossimo obiettivo è quindi l'istituzione della Macroregione del Mediterraneo occidentale e, appena l'emergenza sanitaria consentirà di riprendere la normale attività, la Commissione ha già in programma incontri a Bruxelles e con le altre regioni del Mediterraneo occidentale e quelle insulari.

Anche Eugenio Lai (LeU), vice presidente della Commissione, ha sottolineato il lavoro costruttivo, unitario e assiduo portato a vanti da tutti i commissari, sempre nell'interesse dei sardi.

Nel suo intervento, il capogruppo dei Progressisti, Francesco Agus, ha ricordato che la Sardegna non ha sufficiente autonomia in settori strategici come quello dei trasporti e che questa iniziativa legislativa deve avere l'obiettivo non di ottenere solo risorse aggiuntive, ma di essere messi nelle condizioni di poter utilizzare meglio tali risorse.

Parole di soddisfazione sono state espresse da Roberto Caredda (presidente del gruppo Misto), e dal capogruppo della Lega, Dario Giagoni.

(Unioneonline/s.s.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}