CRONACA SARDEGNA - CAGLIARI

le dicharazioni

"Fuori luogo parlare di aperture in Sardegna": l'ammonimento dell'Anci

Il presidente dell'Anci Deiana commenta la proposta della Regione posticipare oltre le 18 le chiusure di bar e ristoranti
(archvio l unione sarda)
(archvio L'Unione Sarda)

"E' del tutto fuori luogo il tentativo di estendere gli orari di apertura ad alcune categorie quando appare inevitabile la serrata totale o semitotale, cioè misure simili a quelle di marzo".

Lo scrive su Facebook il presidente dell'Anci Sardegna, Emiliano Deiana, commentando la proposta della Regione posticipare oltre le 18 le chiusure di bar e ristoranti.

"Mi basta sentire i sindaci - spiega - che annunciano nuovi casi, nuovi positivi e un'attesa incidentalmente elevata di tamponi per capire che il virus è presente, in maniera drammaticamente forte, in tutta la Sardegna. E qui la tendenza è accentuata in maniera formidabile dall'affanno con cui stanno lavorando gli uffici igiene delle Asl. Pochissimo personale. Turni massacranti. Continua relazione telefonica con un'utenza spaventatissima".

Secondo il numero uno dell'Anci regionale, "invece di promettere 'allargamenti di orario' a categorie economiche già fiaccate dall'emergenza conviene predisporre azioni di sostegno reale alle stesse". Per esempio, con riferimento al dl Ristori, "la Regione Sardegna pensa di rafforzarlo senza inventarsi cose balzane per spirito di competizione? Lo dico con tutta la franchezza del caso: conviene portarsi avanti col lavoro. Perché i numeri sono gravi e il sistema sanitario stressato da quei numeri rischia di esplodere in maniera disastrosa".

(Unioneonline/F)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}