SALUTE

Cosa fare in caso di arresto cardiaco: il convegno a Cagliari

Una serata di informazione e spettacolo, in campo anche il Gruppo L'Unione Sarda, media partner dell'iniziativa
Live

Il cuore di Cagliari batte forte, oggi pomeriggio (giovedì) alle 18, nel rinato teatro Doglio di via Logudoro, in occasione della settimana sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari. Una serata di informazione e spettacolo voluta e organizzata dall'azienda ospedaliera Brotzu, in collaborazione con la Sezione regionale dell'Associazione dei medici cardiologi ospedalieri e la fondazione "Per il tuo cuore". In campo anche L'Unione Sarda, Videolina e Unionesarda.it.

Saranno Marco Corda, medico della di Cardiologia del Brotzu e presidente della sezione sarda dell'Anmco, Maurizio Porcu, direttore della Cardiologia, e il sindaco Paolo Truzzu a mettere l'accento sull'importanza di una città sempre più cardioprotetta. Porcu e Truzzu parleranno del progetto "Gestione dell'arresto cardiaco a Cagliari".

L'obiettivo è diffondere la sensibilizzazione sul problema dell'arresto cardiaco extraospedaliero e l'importanza dei defibrillatori localizzati nel territorio.

«La sopravvivenza di un individuo che va incontro a un arresto cardiaco tende a diminuire del 10 per cento dopo ogni minuto, quindi dopo dieci minuti la probabilità di questi soggetti alla sopravvivenza tende allo zero», ha detto Marco Corda. «Altro aspetto che rende urgente l'intervento immediato è dato dal tempo utile per salvare il cervello del paziente, che si attesta intorno ai 5/7 minuti. Quando il cuore va in arresto il sangue smette di circolare e l'organo che per primo ne risente è il cervello. Possiamo far ripartire il cuore ma il cervello ha avuto dei danni irreparabili. Ecco perché è importante che l'intervento sia tempestivo, possibilmente entro 5 minuti, prima appunto che si verifichino danni irreversibili». Il cardiologo del Brotzu ricorda che «non è possibile chiedere al 118 di essere sul luogo dell'evento in 5 minuti, ma chi ha più probabilità di attivarsi è il cittadino che passa accanto, il quale dovrà subito allertare il 118 ma nel frattempo può intervenire con un massaggio cardiaco e con l'utilizzo dei defibrillatori; questo è possibile solo con una distribuzione capillare dei defibrillatori nel territorio».

La serata, presentata dalla giornalista de L'Unione Sarda Maria Francesca Chiappe, sarà accompagnata dagli sketch di Massimiliano Medda e Stefano Lorrai dei Lapola, Jacopo Cullin e Rossella Faa e trasmessa in diretta streaming da Unionesarda.it.

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...