CRONACA SARDEGNA - CAGLIARI

dopo le proteste

Latte, nuovi avvisi di garanzia: sono quasi mille i pastori sotto indagine

Altre 20 notifiche tra Natale e San Silvestro. Nei prossimi giorni inizieranno i primi processi a Nuoro e Sassari
una protesta dei pastori (archivio l unione sarda matta)
Una protesta dei pastori (Archivio L'Unione Sarda - Matta)

Capodanno amaro per una ventina di pastori sardi, che tra Natale e San Silvestro si sono visti notificare altrettanti avvisi di garanzia per le proteste scoppiate nel febbraio 2019 a causa del prezzo del latte.

Il computo totale degli allevatori finiti sotto indagine, alcuni dei quali già rinviati a giudizio, arriva dunque a sfiorare quota mille.

I primi processi ai contestatori, che presero parte alle manifestazioni di protesta, durante le quali vennero bloccate strade e sversati migliaia di litri di latte, prenderanno il via nei prossimi giorni.

Il 7 a Nuoro ci sarà un'udienza per la proroga delle indagini per le proteste di Lula, mentre il 24 saranno in aula alcuni pastori del Sassarese.

Per questo, oltre a organizzare forme di tutela legale collettiva, il movimento pastori sta valutando nuove mobilitazioni.

"Come siamo stati uniti nelle proteste - ribadisce Gianluigi Dettori, uno dei portavoce degli allevatori - lo saremo nel percorso delle aule dei tribunali".

"Siamo profondamente delusi: se lo Stato avesse profuso lo stesso impegno che sta mettendo nelle denunce per cercare di arrivare ad un prezzo del latte equo, oggi parleremo di due euro al litro", il commento di un altro portavoce, quello dei "Pastori sardi senza bandiere", Gianuario Falchi.

"Qui - aggiunge Falchi, anch'egli denunciato per le proteste - si sta processando il diritto a difendere il proprio lavoro. La politica deve iniziare ad occuparsi di questi cittadini onesti: siamo scesi in piazza per reclamare i nostri diritti. Ora, invece, ci stanno togliendo la libertà di esprimere i nostri pensieri. Costa sta facendo la politica in questo momento? Nessuno - conclude Falchi - parla di queste denunce, né in Regione né nel Governo nazionale. Non si è dato peso alla protesta e alle persone e ancora oggi non si riesce a

capire il problema".

(Unioneonline/l.f.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...