ECONOMIA

la proroga

Rifiuti, aree pubbliche e pubblicità: rinviati i pagamenti a Porto Torres

Il termine di scadenza per i versamenti, già rinviato al 31 maggio, è stato ulteriormente prorogato al 30 giugno
porto torres (foto l unione sarda pala)
Porto Torres (foto L'Unione Sarda - Pala)

Rinviati i pagamenti della tassa rifiuti giornaliera, del canone per l'occupazione di spazi e aree pubbliche e dell'imposta comunale sulla pubblicità a Porto Torres.

Un primo passo per andare incontro alle difficoltà che stanno attraversando le attività commerciali. La proroga al 30 giugno del pagamento della Cosap, Icp e Tarig è stata decisa dalla giunta comunale con una delibera che prevede di far slittare di un mese i termini di pagamento per la sola annualità 2020 della tassa sullo spazio pubblico, l'imposta sulla pubblicità e la tassa rifiuti.

Il termine di scadenza per i versamenti, già rinviato al 31 maggio, è stato ulteriormente prorogato al 30 giugno. L'opposizione aveva chiesto di utilizzare l'avanzo di bilancio per sostenere le imprese e i commercianti nella Fase 2 di ripresa delle attività dopo il lockdown.

Per l'amministrazione comunale, prima di utilizzare l'avanzo di bilancio a favore delle attività commerciali, occorreva attendere il parere dei revisori dei conti sul rendiconto approvato in giunta l'11 maggio.

"I tempi vanno dal 28 maggio al 5 giugno - spiega Franco Satta, dirigente settore Finanze, - questa è la fase in cui il Comune se ha delle risorse libere può utilizzarle per far fronte all'emergenza sanitaria senza aspettare l'approvazione in consiglio".

Nelle casse comunali ci sarebbero poche economie. "Quelle sulle attività socio assistenziali come la mensa scolastica - aggiunge Satta - verranno pagate anche in assenza di prestazioni di servizio - ma semplicemente in virtù di un contratto di appalto aggiudicato".

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}