ECONOMIA

il presidio

Call center, a Cagliari la protesta dei lavoratori

Nel settore in Sardegna operano 10mila addetti
immagine simbolo (archivio l unione sarda)
Immagine simbolo (Archivio L'Unione Sarda)

Protesta dei lavoratori dei call center, promossa da Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil regionali, questo pomeriggio davanti alla prefettura di Cagliari in concomitanza con l'incontro a Roma fra le segreterie nazionali di categoria e i ministeri del Lavoro e dello Sviluppo economico.

Fra le rivendicazioni del settore - che in Sardegna coinvolge circa 10mila lavoratori - l'estensione delle clausole sociali, il rispetto delle tariffe minime e la lotta al dumping contrattuale e alle delocalizzazioni, l'esigibilità degli ammortizzatori sociali e il fondo di solidarietà.

Secondo i sindacati, la situazione del comparto, nonostante la regolamentazione della clausola sociale e delle tabelle ministeriali sul costo minimo del lavoro in caso di cambio di appalto, continua a registrare grande sofferenza e il rapporto con le istituzioni non sempre ha portato ad azioni risolutive.

Oggi i presidi davanti alle prefetture, ma la mobilitazione, avvertono le sigle, proseguirà con un pacchetto di ore di sciopero "se non si avranno adeguate risposte, a partire dall'incontro di questo pomeriggio a Roma".

(Unioneonline/F)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...