CULTURA

Quartu

Crolli nel villaggio nuragico di S'Orixeddu: il caso finisce in parlamento

Il fenomeno potrebbe comportare gravi rischi per la sicurezza della galleria di Murtineddu
una foto dalle riprese aeree dell archeologo alessandro atzeni
Una foto dalle riprese aeree dell'archeologo Alessandro Atzeni

La segnalazione è dell'archeologo e naturalista Alessandro Atzeni: nel villaggio nuragico di S'Orixeddu, a Quartu Sant'Elena, da tempo si verificano crolli e cedimenti anomali e proprio al di sotto di questo passa la più grande galleria della Nuova orientale, quella di Murtineddu.

La questione è stata sollevata dal deputato del Movimento 5 stelle, Andrea Vallascas, che ha presentato un'interrogazione al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti.

"Secondo quanto riferisce l'archeologo", spiega Vallascas, " le anomalie consisterebbero nel fatto che, a dispetto di un importante fenomeno di cedimento di una porzione di parete rocciosa, attorno al sito non sarebbe presente un'equivalente quantità di materiale lapideo di risulta da crollo o da frana, tenuto anche conto che i massi di granito caduti sarebbero dovuti essere di grandi dimensioni. Una delle ipotesi formulate è che il materiale sia stato 'risucchiato', sprofondato o collassato in qualche cavità sotterranea che si sarebbe formata per effetto dei crolli e dell'azione erosiva delle acque piovane". Ma la cosa più importante, come ha sottolineato anche Atzeni, è che "il collasso di imponenti massi di granito nelle cavità sotterranee e l'azione delle acque meteoriche potrebbero aver causato danni alla galleria di Murtineddu, con grave rischio per la sicurezza dell'infrastruttura". E proprio per questo si è chiesto l'intervento del Ministero.

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}