CULTURA

Lo studio

App e tv? Non fanno male ai bimbi se i programmi sono di qualità

I ricercatori consigliano comunque di non esporre i bimbi ai monitor prima dei 18 mesi
(foto www pixabay com)
(foto www.pixabay.com)

App e programmi tv, se usati con parsimonia e selezionando con attenzione cosa far vedere, possono essere una risorsa utile nel migliorare le capacità linguistiche dei bambini.

A trarre queste conclusioni dall'ampia letteratura scientifica in materia pubblicata negli ultimi anni è uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista "Jama Pediatrics", che può rivelarsi utile spunto nel momento in cui milioni di famiglie sono chiuse in casa con i propri figli, con la necessità di contemperare smart working e percorsi educativi.

La metanalisi ha preso in esame un totale di 18.905 bambini e bambine che erano stati inclusi in 42 precedenti studi sul tema.

L'età media in cui è stata misurata l'esposizione ai monitor di smartphone, tv e tablet è stata di 36 mesi. I bambini che hanno trascorso più ore di tempo davanti al monitor e quelli che hanno iniziato molto precocemente avevano abilità linguistiche inferiori. Tuttavia, una migliore qualità dell'uso dello schermo, inclusa la visione di programmi educativi e la co-visione insieme al genitore, era associata ad abilità linguistiche migliori.

"I risultati di questa meta-analisi supportano le raccomandazioni dell'American Academy of Pediatrics", scrivono i ricercatori, che consigliano di non esporre i bimbi ai monitor prima dei 18 mesi e di limitarlo a un ora al giorno per quelli di età compresa tra 2 e 5 anni.

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...