CULTURA

La ricorrenza

Oggi è la festa del gatto: amato sin dall'antichità, è fra gli animali domestici più diffusi in Italia

Nelle case del Paese ci sono 7,5 milioni di esemplari
(foto www pixabay com)
(foto www.pixabay.com)

Una giornata che celebra i felini più amati d'Italia: oggi è la festa nazionale del gatto, ricorrenza nata nel 1990 proprio perché febbraio, secondo una vecchia tradizione, è il "mese dei gatti e delle streghe" e perché il 17 è quel giorno comunemente associato alla sventura, un cliché che accompagna i mici ancora oggi.

Già gli antichi Egizi lo veneravano: la dea Bastet aveva il corpo da donna e il viso da gatto. Molte sono state le mummie di gatti ritrovate nelle tombe dagli archeologi.

A Pompei alcuni mosaici testimoniano la presenza di questi felini nella società romana. Fu la gatta Muezza a salvare Maometto dal morso di un serpente. Nel Medio Evo, in Europa, il micio venne demonizzato perché associato alla stregoneria. Nel Rinascimento fu riabilitato anche per il suo ruolo attivo nella vita dei villaggi, visto che aveva il compito di cacciare i topi. Ne era un grande appassionato il poeta Francesco Petrarca: a lui viene attribuito l'aforisma "L'umanità si può suddividere grossomodo in due categorie: coloro che amano i gatti e coloro che vengono puniti dalla vita".

Secondo una ricerca del 2019 condotta dal Censis, con 53,1 animali da compagnia ogni 100 abitanti, l'Italia si colloca al secondo posto in Europa.

Meno dell'Ungheria (54,2 ogni 100 persone), ma più di Francia (49,1), Germania (45,4), Spagna (37,7) e Regno Unito (34,6).

In Italia gli animali domestici sono in tutto 32 milioni e i gatti in questa classifica non sfigurano e prendono la medaglia d'argento: ci sono 12,9 milioni di uccelli, 7,5 milioni di gatti, 7 milioni di cani, 1,8 milioni di piccoli mammiferi (criceti e conigli), 1,6 milioni di pesci, 1,3 milioni di rettili.

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...