#CARAUNIONE

La lettera del giorno

"Scuole chiuse a Fonni, e ci chiediamo perché"

"Bar e ristoranti aperti, ma il diritto allo studio non è garantito"
fonni (archivio l unione sarda locci)
Fonni (archivio L'Unione Sarda - Locci)

"Cara Unione,

in data 17 novembre il nostro sindaco Daniela Falconi ha emanato un'ordinanza per la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado compreso asilo nido, per via di un'incertezza riguardo i casi di positività all'interno del paese.

Ha mantenuto, però, inalterato tutto il resto, quindi ci troviamo a vivere una situazione fuori dal comune: scuole chiuse, quindi diritto allo studio, alla socialità e alla routine negato ai nostri bambini, che stanno risentendo pesantemente della situazione e vengono affidati dai genitori, per poter lavorare, a nonni e zii mettendo quindi a rischio la salute di fasce più deboli. E bar, ristoranti e altre attività aperte.

Ora mi chiedo se chiudere le scuole fosse una priorità rispetto a tutto il resto.

Come è possibile non riuscire a garantire il diritto alla scuola e allo studio ? Come è possibile ritenere ancora la scuola così poco essenziale? Come si pensa di arginare una situazione così grave chiudendo le scuole?

Il governo stesso ha messo al primo posto le scuole non chiudendo neanche nelle zone rosse! Siamo allo stremo psicologicamente, economicamente e fisicamente".

Un genitore arrabbiato*

(* le generalità, a conoscenza della redazione, vengono omesse nel rispetto della privacy e secondo la normativa vigente)

***

Potete inviare le vostre lettere, segnalazioni e contenuti multimediali a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che esprimono opinioni, denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}