#CARAUNIONE

la lettera del giorno

"Covid e infezioni, i test sierologici servono a ben poco"

Le perplessità di un docente di Farmacologia dell'Università di Cagliari sull'ultima ordinanza della Regione Sardegna
(ansa)
(Ansa)

"Cara Unione,

non entro nel merito della legittimità e utilità di quest'ultima ordinanza della Regione Sardegna ma in quello delle sue basi scientifiche. L'ordinanza considera equivalente la negatività del test sierologico della presenza di immuno globuline IgG e IgM nel sangue e del tampone naso-faringeo che determina la presenza di RNA virale.

Il fatto è però che una negatività del test sierologico non esclude una positività del tampone faringeo. Solo una percentuale relativamente bassa di soggetti infetti e positivi al tampone manifesta una risposta anticorpale rilevabile con i test sierologici. Peraltro il test rapido appare poco affidabile e meno sensibile e con un'alta percentuale di falsi negativi.

Infine chi è positivo al test sierologico potrebbe essere un soggetto guarito e diventato immune al virus e paradossalmente verrebbe, nonostante questa possibilità, non ammesso in Sardegna. Ritengo che qualsiasi accenno a test sierologici debba essere eliminato, dato che il tampone è l'unico test in grado di stabilire se un soggetto è infetto da Covid-19.

Cordiali saluti".

Gaetano Di Chiara

Professore Emerito Università di Cagliari

***

Potete inviare le vostre lettere, segnalazioni e contenuti multimediali a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che esprimono opinioni, denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}