#CARAUNIONE

La lettera del giorno

"I 600 euro non dovuti, ma ricordiamoci anche degli stipendi da 17mila euro dei parlamentari"

"Da marzo, a causa del Covid, molto rare le apparizioni a Montecitorio, ma nessuno si è scandalizzato"
montecitorio (foto l unione sarda)
Montecitorio (foto L'Unione Sarda)

"Cara Unione,

nei giorni scorsi si è assistito alla gogna mediatica piombata su alcuni politici rei di aver percepito un bonus da 600 euro previsto per le partite Iva in difficoltà.

I parlamentari che hanno strillato 'fuori i nomi', 'vergognatevi', 'dimettetevi', sono gli stessi che hanno approvato la norma che ha consentito a persone non bisognose di ricevere un sostegno con i soldi pubblici. È lapalissiano che l'ipocrisia degli strillatori è dettata dall'esigenza di occultare all'opinione pubblica il fatto di essere pagati senza lavorare! E' da marzo che deputati e senatori con il pretesto del covid-19, percepiscono uno stipendio medio mensile di 17mila euro lordi, senza aver mai messo piedi (o raramente) a Montecitorio.

I fustigatori di stato dovrebbero spiegare al popolo, che evidentemente considerano bue, perché evidentemente la plebe ha il dovere di lavorare, mentre loro (la casta dell'olimpo di Roma) hanno il diritto di rimanere a casa a grattarsi la pancia".

Gianni Toffali

***

Potete inviare le vostre lettere, segnalazioni e contenuti multimediali a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che esprimono opinioni, denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}