#CARAUNIONE

La lettera del giorno

"Trasporti sanitari urgenti per neonati: l'altra faccia della medaglia"

I trasferimenti e la "triste realtà della mancanza di una rianimazione pediatrica nella nostra terra"
un falcon utilizzato per i trasporti sanitari urgenti (foto aeronautica militare)
Un falcon utilizzato per i trasporti sanitari urgenti (foto Aeronautica Militare)

"Cara Unione,

non sono infrequenti trasporti urgenti dalla Sardegna al Continente per trattare neonati in pericolo di vita, e sulle pagine dell'Unione Sarda si da giustamente risalto e contezza di gesta che sembrerebbero epiche, e di fatto lo sono, ma che mal celano la triste realtà della mancanza di una rianimazione pediatrica nella nostra terra.

Prendo quindi spunto dal trasporto effettuato giovedì da Cagliari a Roma su un C27J della 46esima Brigata Aerea dell'Aeronautica militare partito da Cagliari e diretto a Ciampino con un bimbo in imminente pericolo di vita e poi accolto all'ospedale Bambino Gesù di Roma, per condividere con i lettori che, nel solco delle sollecitazioni della Consulta Pediatrica territoriale e di base, non possiamo più permetterci che il Servizio Sanitario Regionale non garantisca Anestesia, Rianimazione e Terapia Intensiva in ambito neonatale e pediatrico.

Sarebbe da porre una volta per tutte la parola fine alla lotteria di questi voli d'urgenza di 'routine'.

Abbiamo Medici Pediatri, Anestesisti Rianimatori, Infermiere Pediatriche, Tecnici Sanitari competenti, sui quali scommettere che sarà una sfida vinta quella di prevedere la presa in carico degli utenti pediatrici in condizioni critiche e da sottoporre a monitoraggio, trattamento intensivo, sorveglianza e supporto delle funzioni vitali.

Ricordando, sinteticamente, che:

- I tassi di mortalità da arresto cardiaco extraospedaliero variano dall'80 al 97% nei lattanti e nei bambini;

- Il tasso di mortalità per l'arresto cardiaco in ospedale per neonati e bambini oscilla tra il 40% e il 65%;

- Il tasso di mortalità è dal 20 al 25% in caso di arresto respiratorio isolato, con esiti neurologici sono spesso gravemente invalidanti;

- I protocolli di rianimazione pediatrica si applicano ai bambini di età inferiore ad un anno e ai bambini fino all'età della pubertà (definita come comparsa di seno nelle femmine e di peli ascellari nei maschi) o ai bambini di peso minore di 55 kg;

- Circa il 50-65% dei bambini che richiedono una rianimazione cardiopolmonare è minore di 1 anno; di questi, la maggior parte ha meno di 6 mesi;

- Circa il 6% dei neonati richiede la rianimazione al momento del parto; l'incidenza aumenta significativamente se il peso alla nascita è minore di 1500 g;

- Circa il 10% nei neonati richiede assistenza respiratoria al momento della nascita. Meno dell'1% ha bisogno di una rianimazione prolungata. Le cause sono numerose, ma la via comune comporta asfissia o depressione respiratoria.

È quindi del tutto evidente che occorre una soluzione strutturata.

Auspichiamo, quindi, che all'attenzione dell'Assessorato Regionale alla Sanità, tra le prospettive della Riforma del SSR nella XVI Legislatura, possano trovarsi tempi e spazi per ragionare tutti insieme sull'istituzione della Rianimazione Pediatrica anche convocando gli Stati Generali della Pediatria per rafforzare il diritto degli utenti in età pediatrica, e dei loro genitori, di fruire qui e non altrove di un servizio previsto dalla Carta Costituzionale e spesso compensato con voli militari dei quali speriamo si possa fare presto a meno".

Graziano Lebiu, presidente OPI Carbonia Iglesias

***

Potete inviare le vostre lettere, segnalazioni e contenuti multimediali a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che esprimono opinioni, denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}