#CARAUNIONE

la lettera del giorno

"Sacrosanta l'obiezione di coscienza. Ma quando uccide?"

La lettera di un lettore, cattolico, che si dice contrario all'obiezione di coscienza a tutti i costi
(archivio l unione sarda)
(Archivio L'Unione Sarda)

"Cara Unione,

leggo con sconforto la notizia da voi pubblicata riguardo Valentina Miluzzo, giovane catanese, morta a 32 anni in seguito a complicazioni dovute alla gravidanza. Stando a quanto affermano i genitori, il decesso si poteva evitare con l'aborto.

Questo è un argomento davvero spinoso, soprattutto per me che sono un cattolico praticante e tento di osservare nella vita quotidiana gli insegnamenti della religione. L'obiezione di coscienza, purtroppo spesso usata strumentalmente in molti casi, reputo sia sacrosanta in campo medico.

Ma deve, sottolineo deve, essere sincera e soprattutto osservare un limite: in caso di pericolo di vita del paziente non può valere. Oltretutto in una struttura pubblica. Ogni ulteriore considerazione è inutile. Chissà se la magistratura catanese riuscirà a fare qualcosa. Ne dubito.

Grazie mille se vorrete ospitare questa mia riflessione sulle vostre pagine.

Cordialmente".

P.F. (Assemini)

***

Potete inviare le vostre lettere, segnalazioni e contenuti multimediali a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che esprimono opinioni, denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...