#CARAUNIONE

la lettera del giorno

"I morti italiani che la scuola non considera"

La riflessione di un lettore sulle mancate commemorazioni, nelle scuole, dei morti italiani nelle foibe
la cerimonia alla foiba di basovizza sul carso triestino in occasione del giorno del ricordo (ansa)
La cerimonia alla foiba di Basovizza, sul carso triestino, in occasione del Giorno del Ricordo (Ansa)

"Gentile redazione,

teoricamente, la scuola pubblica dovrebbe assolvere al compito di trasmettere alle giovani generazioni, su basi oggettive e obiettive, gli elementi fondamentali della civiltà, della cultura, della scienza e della storia.

Praticamente, la realtà è ben altra!

Gli elementi di imparzialità e neutralità che dovrebbero caratterizzare qualsiasi istituto di istruzione, vengono sistematicamente 'traditi' dai soliti zelanti docenti che interpretano lo scibile a guisa delle lenti ideologiche che indossano.

Un solo esempio, anzi due, più che sufficienti per rappresentare la parzialità dell'istruzione pubblica.

Ogni anno, il 27 gennaio, al fine di commemorare le vittime dell'Olocausto i docenti si fanno in quattro per spiegare agli alunni le atrocità dei nazisti.

Al contrario, il 10 febbraio, vale a dire il Giorno del ricordo, istituito con grave ritardo nel 2004 per celebrare i martiri italiani delle Foibe ammazzati dai comunisti di Tito, solo pochissimi insegnanti ne parlano in classe.

In alcune scuole, addirittura, nei giorni scorsi non se ne è discusso affatto.

Rimane ignoto il motivo per cui secondo talune "maestrine" dalla penna rossa, i morti italiani meritano così poche attenzioni.

Grazie dell'attenzione".

Gianni Toffali - Verona

***

Potete inviare le vostre lettere e segnalazioni a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...