#CARAUNIONE

La lettera del giorno: "Il caso Cucchi e lo Stato che deve tutelare"

ilaria cucchi con sullo sfondo l immagine del fratello stefano (ansa)
Ilaria Cucchi con, sullo sfondo, l'immagine del fratello Stefano (Ansa)

Pubblichiamo oggi la riflessione di un lettore circa i nuovi sviluppi sul caso Cucchi, e sulla necessità in Italia di passare da una "criminalizzazione" a una "sanitarizzazione" dei tossicodipendenti.

****

"Gentile redazione,

un cittadino italiano, per quanto possa essere violento o mite, pericoloso o innocuo, tossicodipendente o piccolo spacciatore, nelle mani dello Stato deve essere protetto anche se presunto colpevole di un qualsivoglia crimine.

La storia terribile di Stefano Cucchi, ci insegna che va assicurata una tutela di tipo sanitario a chi è tossicodipendente.

Si deve passare così da una criminalizzazione della figura del consumatore ad una "sanitarizzazione" dello stesso, finalizzando ogni strategia e azione, alla tutela della salute pubblica.

Anche se purtroppo permane nell'immaginario collettivo l'idea del tossicodipendente come portatore di pericolosità sociale, oggi il consumatore deve essere visto come un soggetto che necessita di cure e supporto, non come un deviato da punire (soprattutto con sentenze e azioni di giustizia violenta e sommaria di servitori dello Stato). Va quindi obbligatoriamente distinta la figura del consumatore (che spesso è anche piccolo spacciatore come nel caso di Stefano Cucchi), anello debole del circuito della dipendenza (che necessita di cure e non sanzioni), dalla figura del trafficante".

Andrea Zirilli

***

Potete inviare le vostre lettere e segnalazioni a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...