È salito a 30 morti il bilancio delle vittime causate dalla tempesta Harvey che in questi giorni sta colpendo lo Stato del Texas e parte della Louisiana.

Molte persone risultano però ancora disperse e ci vorrà del tempo prima che le autorità possano stilare un bilancio definitivo.

Nella notte sono state identificate altre tre vittime.

Si tratta di due donne, di 89 e 76 anni, e di un uomo di 45, tutti morti a causa delle inondazioni che hanno travolto le loro abitazioni o i veicoli sui quali viaggiavano.

Il sindaco di Houston, Sylvester Turner, ha imposto il coprifuoco in tutto il territorio della città. Una misura decisa per prevenire furti e saccheggi.

Ieri sera lo stesso primo cittadino ha fatto sapere che un agente della polizia - Steve Perez, 60 anni - è morto mentre andava a lavoro in auto.

E non mancano le storie atroci: nella cittadina texana di Beaumont una bimba di 18 mesi è stata salvata dai vigili del fuoco, mentre si trovava aggrappata al cadavere di sua mamma annegata nella corrente di un canale di drenaggio.

Secondo quanto riferito dal capo dei pompieri, Brad Penisson, l'auto su cui si trovavano la mamma e la bimba è rimasta intrappolata in un parcheggio allagato e la donna ha cercato di mettersi in salvo a piedi stringendo la piccola fra le braccia, ma è stata travolta dalla corrente.

DONALD E MELANIA TRUMP NELLE ZONE COLPITE DALL'INONDAZIONE - Nel frattempo, il presidente americano Donald Trump e la first lady Melania sono arrivati in Texas per far visita alle popolazioni colpite dalla tempesta.

Harvey è un disastro "di proporzioni epiche. Nessuno aveva mai visto qualcosa di simile, ma c'è stato uno sforzo cooperativo" per arginare i danni, ha affermato The Donald, parlando a Corpus Christi con le autorità locali.

Per non ostacolare le operazioni in corso, il magnate newyorchese ha scelto di non fare tappa a Houston: dopo Corpus Christi, è in programma la visita a Austin, dove si trova il centro di coordinamento delle operazioni di emergenza.

Donald e Melania Trump in Texas

(Redazione Online/F)

LA COPERTINA DI CHARLIE HEBDO:

© Riproduzione riservata