Nuova condanna per l'Italia da parte della Corte europea dei diritti umani. I giudici di Strasburgo hanno bollato come "tortura" il trattamento delle forze dell'ordine nel carcere di Bolzaneto durante i giorni delle proteste contro il G8 di Genova.

Il caso giudiziario va avanti da più di un decennio: quella sera tra il 20 e 21 luglio 2001, 59 militanti, prima di essere trasferiti in altre prigioni, hanno riferito di aver subito violenze fisiche e morali, sia dagli agenti che durante le visite mediche. Molti di loro erano alla scuola Diaz, che ospitava il coordinamento del Genoa social forum e dove molti manifestanti stavano dormendo quando ci fu l'irruzione delle forze dell'ordine.

Strasburgo ha stabilito che "gli abusi fisici, verbali e psicologici" subiti costituiscono tortura e che gli agenti responsabili non hanno ricevuto una punizione adeguata. Ai dimostranti sono stati riconosciuti risarcimenti tra 10mila e 85mila euro.

Per quei fatti l'Italia è già stata condannata anche per aver lasciato un vuoto legislativo, con norme non adeguate a perseguire i colpevoli. La corte ha preso atto della legge sulla tortura adottata a luglio, un provvedimento atteso da anni e che ha però ricevuto molte critiche, anche dalle organizzazioni per i diritti umani, che lo hanno bocciato come "carente", "inutile" e "inapplicabile".

IL CASO DI ASTI - Strasburgo ha parlato di tortura anche per quanto accaduto nel carcere di Asti: il caso fa riferimento al 2004 e riguarda gli allora detenuti Andrea Cirino e Claudio Renne.

Il primo, torinese, sarebbe stato picchiato e messo in una cella senza materasso né coperte, lasciato nudo e senza cibo per una settimana, con acqua razionata, botte, e l'impossibilità per giorni di incontrare il proprio legale.

Trattamento simile per Claudio Renne, che in seguito alle violenze è stato poi ricoverato in ospedale. Quattro guardie carcerarie sono state sottoposte a provvedimento disciplinare, una misura ritenuta però insufficiente.

I giudici di Strasburgo hanno accolto le istanze e stabilito che lo Stato italiano dovrà risarcire con 80mila euro Cirino e la figlia di Renne, morto a gennaio.

(Redazione Online/D)

LE IMMAGINI:

#AccaddeOggi, 21 luglio 2001: la polizia irrompe alla scuola Diaz, durante il G8 di Genova. È una mattanza
#AccaddeOggi, 21 luglio 2001: la polizia irrompe alla scuola Diaz, durante il G8 di Genova. È una mattanza
#AccaddeOggi, 21 luglio 2001: la polizia irrompe alla scuola Diaz, durante il G8 di Genova. È una mattanza
La polizia alla scuola Diaz
La polizia alla scuola Diaz
La polizia alla scuola Diaz
Agenti pronti all'irruzione
Agenti pronti all'irruzione
Agenti pronti all'irruzione
Un'istantanea di quel tragico 21 luglio
Un'istantanea di quel tragico 21 luglio
Un'istantanea di quel tragico 21 luglio
I carabinieri in assetto antisommossa
I carabinieri in assetto antisommossa
I carabinieri in assetto antisommossa
Uno dei feriti portati in ospedale
Uno dei feriti portati in ospedale
Uno dei feriti portati in ospedale
Gli scontri a Genova
Gli scontri a Genova
Gli scontri a Genova
La città nel caos durante i giorni del G8
La città nel caos durante i giorni del G8
La città nel caos durante i giorni del G8
Una fiaccolata per ricordare i fatti di Genova
Una fiaccolata per ricordare i fatti di Genova
Una fiaccolata per ricordare i fatti di Genova
Un'auto incendiata a Genova
Un'auto incendiata a Genova
Un'auto incendiata a Genova
L'assalto alla \"zona rossa\"
L'assalto alla \"zona rossa\"
L'assalto alla "zona rossa"
© Riproduzione riservata