SPORT - VOLLEY

volley

Us Garibaldi Maddalena non iscritto alla Serie B: "Niente soldi dagli sponsor"

Forse partirà dalla prima divisione regionale
una formazione della passata stagione (foto concessa)
Una formazione della passata stagione (foto concessa)

Una notizia che ha scosso gli sportivi maddalenini e tutto il mondo della pallavolo sarda: il Garibaldi Maddalena non parteciperà al prossimo campionato di serie B maschile di pallavolo.

La squadra infatti non è stata iscritta dalla società e ieri scadeva l'ultimo giorno utile. Lo ha reso noto oggi il presidente della società Alessio Bittu, 36 anni, imprenditore nella ristorazione.

L'addio al campionato di serie B non sarà certo indolore, anzi, la mancata iscrizione è destinata a sollevare una coda di polemiche. Il Garibaldi Maddalena aveva concluso in serie B maschile nazionale una splendida cavalcata, che aveva appassionato i tifosi dell'Arcipelago e tutti gli appassionati sardi.

Ora la fine di un sogno. "Con grande amarezza ho dovuto scrivere nel nostro sito la mancata partecipazione alla serie B della nostra gloriosa squadra - spiega il presidente Bittu - Purtroppo i nostri sponsor per la nota pandemia non hanno potuto confermare il loro contributo. Soldi inoltre dalla Regione ne arrivano pochini e per noi pochi dirigenti era impossibile sostenere le spese di un campionato così oneroso. Certo, l'amarezza è enorme. L'amministrazione comunale di La Maddalena era al corrente della situazione da tempo. Anche in questo caso abbiamo ricevuto un contributo molto povero, circa 10 mila euro spalmati in 5 anni. Una miseria, malgrado qualche assessore comunale sostenga il contrario".

Ad ogni modo la società Garibaldi non sparirà: la squadra femminile parteciperà infatti al campionato di Serie C, il settore giovanile continuerà l'attività. Per quanto riguarda la squadra maschile si stanno vagliando altre soluzioni, come una partecipazione ai campionati minori."Il regolamento non è chiaro - precisa Bittu - anche se probabilmente come prima squadra maschile ripartiremo dalla prima divisione regionale. Vedremo".

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}