SPORT - VOLLEY

al palapirastu

Volley, tutto esaurito a Cagliari per la doppia amichevole Italia-Giappone

La sfida giovedì e venerdì
da sinistra vincenzo ammendola (fipav sardegna) e i ct gianlorenzo blengini e yuichi (foto l unione sarda melis)
Da sinistra, Vincenzo Ammendola (Fipav Sardegna) e i ct Gianlorenzo Blengini e Yuichi (foto L'Unione Sarda - Melis)

Due squadre in cammino, anzi in costruzione, sotto una piacevole pressione. Italia e Giappone si ritrovano a Cagliari per una doppia amichevole: giovedì e venerdì alle 20 al PalaPirastu (entrambe in leggera differita su Videolina).

Gli azzurri lasciano a riposo i big. Il ct Gianlorenzo Blengini schiera quei giovani che nelle squadre di club non riescono a giocare minuti di qualità per allargare la base in vista dei prossimi impegni. C'è da giocare l'imminente Volleyball Nations League e farsi trovare pronti per le qualificazioni olimpiche.

Il presidente del Coni Giovanni Malagò si è augurato che, dopo le due Champions League vinte, la pallavolo italiana possa conquistare due medaglie a Tokyo 2020: "Fa piacere che le personalità che contano si interessino a noi e ci diano fiducia. Lo prendo come un auspicio, ma i club e la Nazionale sono due mondi separati, non foss'altro per la grande presenza di stranieri", ha detto Blengini durante la presentazione al PalaPirastu. "Però la pressione non è una malattia, significa che hai delle aspettative che derivano dalla tua qualità e devi avere le ambizioni che servono per crescere".

Gli azzurri con al centro il ct Blengini in allenamento al PalaPirastu (foto L'Unione Sarda - Melis)
Gli azzurri con al centro il ct Blengini in allenamento al PalaPirastu (foto L'Unione Sarda - Melis)

Il ct, introdotto da un raggiante Vincenzo Ammendola (presidente dalla Fipav regionale che ha organizzato le due gare ottenendo il tutto esaurito), ha ringraziato Cagliari per "la perfetta organizzazione e la grande accoglienza. Questa non è certo la mia Nazionale ma è quella di tutti e la risposta del pubblico lo dimostra ancora una volta".

Anche il suo collega giapponese, l'ex giocatore della nazionale Yuichi Nakagaichi, è sotto pressione: "A Tokyo saremo paese ospitante ed è normale che ci sia un'enorme pressione che riusciamo però a gestire. Il popolo giapponese di aspetta molto e noi vogliamo andare sul podio. Sappiamo che sarà difficile visto il nostro livello, ma puntiamo ad entrare tra le migliori otto come primo obiettivo".

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...