SPORT - SPORT DI SQUADRA

Pallamano A1 femminile

Una combattiva OjSolution sconfitta in casa dell'Oderzo

Le ragazze allenate da Marina Pellagatta indirizzano subito il match con una partenza sprint
la ojsolution nuoro (foto enrico corrias)
La OjSolution Nuoro (foto Enrico Corrias)

Al rientro dalla sosta di due settimane, nella massima serie femminile di pallamano si è vista un'OjSolution Nuoro determinata e agguerrita, capace di tenere le redini per tre quarti di gara prima di arrendersi alla corazzata, e ormai neocapolista, Oderzo, che si è imposta in rimonta 27-21.

Partenza sprint delle ragazze allenate da Marina Pellagatta, che hanno subito cercato di indirizzare la partita a proprio favore e, grazie a una difesa attenta e pronta ad arginare le straniere Duran e Panayotova, sono riuscite anche a toccare il vantaggio massimo di sei punti (6-12 al 24') prima che le venete approfittassero delle sanzioni di due minuti rimediate dalle barbaricine per riportarsi sul 12-13 a ridosso dell'intervallo.

Nella ripresa stava andando in scena un copione analogo, ma nell'ultimo quarto le nuoresi hanno avuto un vistoso calo fisico e, tra mancanza di energie nei serbatoi dell'Hac Nuoro e un po' di nervosismo per un paio di decisioni arbitrali non condivise dalla squadra ospite, l'Oderzo ha allungato il passo e messo in cassaforte una vittoria pesante e non certo scontata.

"Siamo rammaricati perché abbiamo a lungo tenuto testa a una squadra di prima fascia e sfiorato la vittoria su uno dei campi più difficili del torneo - ha sottolineato il direttore tecnico nuorese, Roberto Deiana. - L'attacco ha lavorato bene e la difesa ha impiegato le soluzioni preparate in allenamento. Peccato per il calo finale dovuto alla stanchezza e forse alla frustrazione per qualche fischio arbitrale mancante. Siamo ultimi ma abbiamo affrontato tutte le avversarie più attrezzate, questa partita ci dà fiducia e adesso ce la giocheremo con compagini più alla portata".

A2 - Nella serie cadetta, invece, le sassaresi vanno "a tutta" e sono terze, a quota quattro col Cassano, dietro il duo di testa composto da Leonessa Brescia e Dossobuono. A San Donato Milanese, contro il Ferrarin, la Lions ha centrato un successo di misura, 17-18, dopo aver chiuso il primo tempo in parità (11-11). Al PalaSantoru, invece, il Sardegna ha superato il Cassano Magnago 26-24 dopo aver condotto la gara dall'inizio alla fine.

"Abbiamo reso questa vittoria più complicata del previsto, dobbiamo imparare a mantenere la calma e ad accettare le decisioni arbitrali. Abbiamo subito cinque espulsioni di due minuti, ma nonostante il nervosismo siamo riuscite a gestirle. Sono soddisfatta perché stiamo ottenendo ottimi risultati con un gruppo completamente rinnovato, abbiamo la migliore difesa del campionato (59 reti subite) e adesso lavoreremo per essere più prolifiche in attacco - ha anticipato la coach della Lions, Zucchi Pastor. - Vorrei sottolineare la prova di Valeria Mazzitelli, preziosa in difesa e fondamentale in avanti, è stata lei a siglare la rete della vittoria. Decisive anche l'ala sinistra Francesca Cau, che ha 15 anni ha esordito in A2, Giulia Dibona, che ha siglato sette gol, e Cristina Piras, sempre lucida e capace di infondere calma e serenità al gruppo. Adesso pensiamo alla prossima. Mercoledì torneremo in campo per il recupero con la Leonessa, daremo il massimo".

Soddisfatta anche la coach del Sardegna, Barbara Tetti: "Al momento è prioritario vincere, ma stiamo lavorando sul bel gioco. Col Cassano abbiamo condotto la gara e commesso l'errore di farci raggiungere negli ultimi minuti. In anodini momenti siamo state imprecise in fase di tiro e sbagliato due contropiedi e un rigore, ma ho visto delle belle giocate e siamo riuscite a mettere a referto un successo importante".

L'allenatrice turritana ha sottolineato la prova di Domenica Satta, "sta tornando ai suoi standard", e di Laura Piu, "ha giocato una buona partita e ha anche parato un rigore", ma anche riconosciuto il valore delle avversarie, "non avevano le giocatrici di A1 ma c'erano due o tre giovani che spesso vengono aggregate alla squadra della massima serie. Non dimentichiamo che il Cassano ha battuto la Lions e la Leonessa Brescia, è una squadra da prendere con le pinze".

CLASSIFICA A1: Brixen e Oderzo 10, Salerno, Ariosto Ferrara e Mestrino 8, Cassano Magnano 7, Casalgrande Padana 1, Leno e OjSolution Nuoro 0.

CLASSIFICA A2: Leonessa Brescia e Venplast Dossobuono 5, Cassano Magnago, Lions Sassari e Sardegna 4, Ferrarin 0.

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...