SPORT - CALCIO

Serie C

L'Olbia presenta la nuova maglia della Scuola Calcio

Per la sponsorizzazione dei baby bianchi, il club sardo rinnova con Geasar
il capitano dell olbia francesco pisano con i bambini della scuola calcio (foto del club)
Il capitano dell'Olbia Francesco Pisano con i bambini della scuola calcio (foto del club)

Piccoli calciatori crescono. Con una maglia nuova di zecca. È quella che hanno ricevuto, l'uno dopo l'altro, i bambini della Scuola calcio dell'Olbia.

Location prescelta l'Aeroporto Olbia Costa Smeralda, anche perché la nuova divisa da gara dei baby bianchi è sponsorizzata dalla Geasar attraverso il brand Keep-It, marchio creato ad hoc dalla società di gestione dello scalo olbiese per valorizzare i progetti e le iniziative che riguardano le tematiche di sostenibilità economica, sociale e ambientale.

Presenti all'evento oltre 200 bambini tesserati nelle categorie Primi Calci, Piccoli Amici, Pulcini ed Esordienti e i loro genitori, il presidente dell'Olbia Alessandro Marino e il padrone di casa, l'ingegner Silvio Pippobello, amministratore delegato della Geasar.

I bambini della scuola calcio dell'Olbia con la nuova maglia da gara (foto del club)
I bambini della scuola calcio dell'Olbia con la nuova maglia da gara (foto del club)

Le consegne delle maglie da gara sono state effettuate dai giocatori della prima squadra del club Francesco Pisano, Andrea Cocco, Luca Crosta, Luca Manca, Luca La Rosa e Simone Gozzi. Momento topico la presentazione della casacca da parte di Gaspare e Marco Leon, i più piccoli della nidiata olbiese, che, accompagnati dal responsabile dell'attività di base Gianni Spanu, sono saliti sul palco allestito all'interno del Costa Smeralda per mostrare per la prima volta a tutti la divisa da gara per la stagione 2019/2020.

Un lungo applauso e la contemporanea calata della maglia dall'alto hanno completato il quadro della hall dello scalo. Nell'occasione, l'Olbia Calcio e la Geasar hanno annunciato il rinnovo della partnership per le stagioni 2019/2020 e 2020/2021.

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...