SPETTACOLI

roma

Choc al concerto, il rapper Pretty Solero si spoglia e si masturba in pubblico

Davanti a un folto pubblico composto da molti minori. La sicurezza lo ha portato via di peso, poi il rapper ha lanciato una serie di accuse contro l'organizzazione dell'evento
pretty solero da instagram a destra un frame del video durante il concerto
Pretty Solero, da Instagram; a destra un frame del video durante il concerto

Devono essere rimasti sotto choc le migliaia di spettatori presenti al Rock in Roma, alle Capannelle.

Il rapper romano Pretty Solero - più noto per i suoi eccessi che per i successi discografici -è salito sul palco, si è spogliato e ha iniziato a toccarsi le parti intime.

È dovuta intervenire la sicurezza per allontanarlo dal pubblico, formato anche da molti minorenni. Lo hanno preso di peso e lo hanno portato via.

Una vicenda, quella di Solero - 26 anni - che avrà straschichi giudiziari: l'organizzazione ha deciso infatti di denunciarlo per una serie di reati, tra cui atti osceni in luogo pubblico.

Solero, ospite nella serata in cui il big era Ketama126, già nel backstage si era presentato in evidente stato di alterazione psicofisica, secondo diversi testimoni.

Nessuno però immaginava un comportamento del genere. E la follia del giovane rapper non è certo finita quando la sicurezza lo ha portato via dal palco. Ha sputato a un addetto e ne ha colpito un altro con una testata.

Poi ha lanciato tutta una serie di accuse contro l'organizzazione: "Mi hanno minacciato, un buttafuori ha messo le mani in faccia alla ragazza con cui stavo. È scoppiata una rissa, ho avuto voglia di uccidere. Non ho la pistola ma la rimedio facilmente. Mi hanno chiuso in dieci in una stanza minacciandomi, dopo che ho difeso una ragazza che è stata schiaffeggiata".

Puro delirio, secondo gli organizzatori. D'altronde che Solero non fosse in sé quella sera lo si notava a occhio nudo anche dalle stories postate su Instagram, poi opportunamente cancellate dal rapper.

(Unioneonline/L)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...