SERVIZI ALLE IMPRESE - LAVORO

Sindacati in crisi: "In Sardegna meno 7mila iscritti". Ma Cgil smentisce

il segretario della cgil susanna camusso il segretario della uil carmelo barbagallo e il segretario della cisl annamaria furlan (foto ansa)
Il segretario della Cgil Susanna Camusso, il segretario della Uil Carmelo Barbagallo e il segretario della Cisl Annamaria Furlan. (Foto Ansa)

La fotografia che esce dall'indagine dell'Istituto Demoskopika ritrae un sindacato in piena crisi, con un calo nazionale di iscrizioni pari a 450mila unità nel solo biennio 2015 - 2017.

Una vera e propria emorragia di consensi per le maggiori sigle sindacali italiane, fatta eccezione per la Uil, che registra un lieve incremento di iscritti in controtendenza, con un +1,4% di tesseramenti rispetto al 2015.

E analizzando più da vicino i dati è il Mezzogiorno ad aver perso più fiducia nella rappresentanza sindacale: tra i 447mila iscritti in meno, ben 293mila vivono al Sud. Mentre per Demoskopika la Sardegna si colloca al livello medio nella classifica dell'appeal sindacale e registra una perdita di iscritti attorno alle 7mila unità.

Regione per regione, l'Indice di Appeal Sindacale (IAS) ideato dall'Istituto Demoskopika illustra come si differenzia la "fuga" dai sindacati dei lavoratori italiani. Al Sud reggono solo Basilicata e Sicilia, mentre al centro la Toscana si conferma la regione più "sindacalizzata" e con il maggior numero di volontari che dedicano gratuitamente il proprio tempo al sindacato.

Un quadro significativo, che dovrebbe spingere a una profonda riflessione soprattutto le due principali sigle sindacali, Cgil e Cisl, che devono fare i conti con un calo rispettivo di tessere pari a 285mila e 188 mila unità.

LA REPLICA - I dati di Demoskopika sono però stati smentiti dalla Cgil, in una nota, dove si legge: "Nel 2015 gli iscritti alla Cgil in Sardegna erano 163 mila 212, nel 2016 il dato sale a 166. 701 e nel 2017 a 175 mila 670".

"Oltre a non esserci alcun calo appare molto discutibile e poco scientifico, il presunto appeal sindacale a cui fa riferimento la ricerca”, aggiunge il sindacato.

E ancora: "Le differenze tra i dati relativi al 2017 presenti anche nel sito della Cgil sono legate alla certificazione degli iscritti e al completamento ancora in corso delle anagrafiche, da quell’anno, seguono un criterio diverso e più complesso: per gli iscritti certificati si dispone di dati anagrafici completi, per gli altri, comunque iscritti effettivi, manca qualche dato e la scheda l'anagrafica è in corso di aggiornamento".

(Unioneonline/b.m.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...