CRONACA - MONDO

Russia

"Cercava nuovi fedeli": testimone di Geova condannato a 3 anni di reclusione

Il gruppo religioso è stato bollato come "estremista" dalle autorità di Mosca: in tre anni oltre 400 fedeli incriminati
immagine simbolo (foto wikimedia)
Immagine simbolo (foto wikimedia)

Un Testimone di Geova è stato condannato a tre anni di reclusione in Russia con l'accusa di cercare nuovi fedeli per il gruppo religioso bollato come "estremista" dalle autorità di Mosca.

Secondo l'organizzazione religiosa, ripresa dal Moscow Times e da Radio Liberty, il tribunale di Omsk ha condannato a tre anni di carcere Sergey Polyakov. Sua moglie Anastasia Polyakova e altre due credenti, Dinara Dyusekeyeva e Gaukhar Bektemirova, sono state invece condannate a due anni, ma con la sospensione condizionale della pena, perché accusate di aver solo preso parte alle attività del gruppo cristiano.

La Russia di Putin ha dichiarato "estremisti" i Testimoni di Geova nel 2017. In questi tre anni oltre 400 di loro sono stati incriminati o condannati in Russia solo per aver professato il proprio credo e almeno 11 sono stati condannati a pene detentive in carcere.

Il Cremlino è accusato di perseguitare i Testimoni di Geova violando la libertà di religione garantita dalla Costituzione russa.

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}