CRONACA - MONDO

America

Vulcano erutta in Ecuador: aeroporto chiuso per sette ore VIDEO

Nell'ultima giornata il vulcano è stato al centro di un incremento dell'attività sismica, accompagnato da un centinaio di esplosioni

È allarme in Ecuador per l'insolita attività del vulcano Sangay, che nelle ultime 24 ore ha manifestato un'intensificazione dei fenomeni eruttivi producendo una colonna alta dieci chilometri di lapilli e ceneri, che si sono poi riversate su decine di cantoni di sei province, determinando allarme per le coltivazioni, il bestiame e le riserve idriche.

Nell'ultima giornata il vulcano è stato al centro di un incremento dell'attività sismica, accompagnato da un centinaio di esplosioni. Da parte sua il Servizio nazionale di gestione dei rischi e delle emergenze (Sngre) ha confermato che una grande quantità di ceneri ha colpito una quarantina di cantoni delle province di Chimborazo, Bolívar, Guayas, Los Ríos, Manabí e Santa Elena.

Tracciando un quadro della situazione, il direttore del Sngre, Rommel Salazar, ha prima di tutto confermato che "al momento non si hanno notizie di morti o feriti" per poi chiedere alle autorità locali di predisporre misure di emergenza riguardanti la protezione delle riserve idriche, l'alimentazione del bestiame e la restrizione dell'apertura delle attività commerciali e delle attività all'aria libera.

Infine, la grande quantità di ceneri depositatasi sulla pista dell'aeroporto di Guayaquil, capitale industriale dell'Ecuador, ne ha comportato la chiusura per sette ore.

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}