CRONACA - ITALIA

palermo

Prova estrema sui social, morte cerebrale per la bimba di dieci anni

La piccola aveva partecipato a una sfida di soffocamento. I genitori hanno acconsentito alla donazione degli organi
foto simbolo (pixabay)
Foto simbolo (Pixabay)

E' stata dichiarata la morte cerebrale per la bimba che nel quartiere Kalsa a Palermo è finita in coma per un gioco orribile sul social TikTok.

La bambina si è legata la cintura alla gola per partecipare alla "Black out challenge", una prova di soffocamento estremo. L'asfissia prolungata l'ha mandata in arresto cardiocircolatorio.

I genitori l'hanno portata in ospedale, dove è stata ricoverata d'urgenza in rianimazione. Purtroppo per la piccola non c'è stato nulla da fare. I genitori hanno acconsentito all'espianto degli organi.

IL BOLLETTINO - "Alle 13:30 - si legge nel bollettino diffuso dai sanitari - constatato strumentalmente lo stato di morte cerebrale nella piccola di 10 anni ricoverata presso la terapia intensiva pediatrica del pronto soccorso Di Cristina in coma profondo e irreversibile conseguente a prolungata anossia cerebrale".

"La notizia - prosegue la nota - è stata data ai genitori che hanno acconsentito al prelievo degli organi per donazione multipla. Contestualmente, a cuore battente, sono iniziate le procedure di accertamento previste dalla legge da parte dell'apposita commissione di clinici informandone l'autorità giudiziaria. Le procedure sono tutt'ora in corso per concludersi nelle prime ore di questa sera".

(Unioneonline/D)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}