CRONACA - ITALIA

verona

Adescavano baby-sitter e le violentavano: "Trappola di sesso e perversione"

In carcere una coppia di coniugi
(archivio l unione sarda)
(Archivio L'Unione Sarda)

La strategia era sempre la stessa: adescavano baby-sitter con degli annunci sui social, attirandole invece in una trappola.

Tre le vittime di una coppia di coniugi veronesi, condannati dalla Corte d'Appello di Venezia rispettivamente a 9 anni e a 5 anni e 6 mesi di carcere. In primo grado la sentenza del Tribunale di Verona era stata rispettivamente di 11 anni, e 6 anni e 8 mesi. I giudici d'appello hanno escluso un'aggravante, quella della procurata sofferenza.

Alle tre giovani vittime è stato riconosciuto anche un risarcimento.

La coppia era finita in carcere a gennaio 2019 con l'accusa di aver congegnato "una trappola di sesso e perversione": le vittime venivano attirate con annunci di lavoro e adescate con l'inganno in un posto isolato nella frazione veronese di Poiano.

Qui le tre sono state sottoposte in momenti diversi a inaudite violenze, venendo filmate durante gli abusi e tenute in silenzio sotto la minaccia di diffondere le immagini.

(Unioneonline/D)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}