CRONACA - ITALIA

l'emergenza

Coronavirus, firmato il decreto
Tre le vittime, oltre 150 i contagi

10 Comuni in Lombardia isolati, uno in Veneto. Treno bloccato al Brennero per due casi sospetti, primo contagio a Milano

Mentre il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella - che domani sarà a Sassari per l'inaugurazione dell'Anno accademico all'Università - ha firmato il decreto per il coronavirus, l'Italia registra la terza vittima. Dopo i casi dell'anziano di Vo' Euganeo, gli altri due morti sono in Lombardia. L'ultima, di oggi, è una donna di 68 anni, Angela Denti Tarzia, che era ricoverata da alcuni giorni in Oncologia a Crema e aveva, oltre al virus, una situazione generale già compromessa. Non è chiaro dove possa essere stata contagiata.

152 sono le persone colpite in tutto il Paese, comprese le vittime e il ricercatore guarito.

I NUMERI - L'allarme si fa sentire soprattutto nelle regioni del Nord, non solo per i tanti contagi - 112 in Lombardia, 22 in Veneto, 9 in Emilia Romagna, 3 in Trentino, 3 in Piemonte e 3 nel Lazio (con un guarito), secondo i dati che continuano ad aggiornarsi - ma anche per le misure che vengono prese dalle autorità. Scuole e università chiuse, così come molti luoghi di culto e aggregazione, pub, discoteche e bar (dalle 18 alle 6). E i supermercati che nella zona di Milano vengono presi d'assalto, mentre restano chiuse le porte del duomo ed è stato cancellato il carnevale a Venezia. I mezzi pubblici invece sono regolarmente in servizio.

Un supermercato preso d'assalto a Casalpusterlengo (Ansa - Fasani)
Un supermercato preso d'assalto a Casalpusterlengo (Ansa - Fasani)

Tra sette giorni si deciderà se prorogare o meno i provvedimenti destinati a limitare gli spostamenti dei cittadini. Finora su oltre 800 tamponi eseguiti, 112 sono risultati positivi: 17 persone sono in terapia intensiva, 53 i ricoverati e gli altri restano in isolamento nelle proprie abitazioni.

Anche un dermatologo del Policlinico di Milano è risultato positivo al coronavirus e si trova ora ricoverato all'ospedale Sacco. Si tratta del primo contagiato in città.

L'ISOLAMENTO - Il decreto approvato ieri sera dal Consiglio dei ministri prevede ulteriori nome per il contenimento del virus: 11 comuni isolati (10 in Lombardia, uno in Veneto), e maggiori poteri ai ministri per bloccare eventi nelle aree dei focolai. Nel testo si legge inoltre il consiglio per la cosiddetta "sorveglianza attiva", ossia il suggerimento di sottoporsi a controlli periodici per chi ha avuto contatti con i contagiati.

"Uno sforzo organizzativo - ha detto Giulio Gallera, assessore lombardo al Welfare - che stiamo mettendo in campo e che continueremo per i prossimi 14 giorni. L'invito per tutti è quello di stare a casa per il contenimento del fenomeno, che non è particolarmente aggressivo ma si trasmette velocemente".

Il messaggio che passa ha carattere precauzionale e ai cittadini viene chiesto di prestare "attenzione" senza avvertire limitazioni nella libertà. Per tutte le notizie è stato istituito il numero di pubblica utilità 1500: si potranno avere le informazioni sui sintomi del virus.

Scaffali vuoti in un supermercato a Vignate (Ansa - Canali)
Scaffali vuoti in un supermercato a Vignate (Ansa - Canali)

NELL'ISOLA - In Sardegna, come in gran parte delle regioni, non si registrano casi. Solo cinque medici sono in quarantena dopo essere tornati da un viaggio nei mari asiatici. Mentre, dopo l'annullamento di alcune partite di serie A tra le quali Hellas Verona-Cagliari, i rossoblù - rimasti in un primo momento a Veronello - possono ora rientrare.

In serata un treno proveniente dall'Italia è stato bloccato al Brennero perché a bordo ci sarebbero due casi sospetti di coronavirus. La segnalazione è stata fatta dal capotreno. Le autorità austriache hanno chiuso il collegamento ferroviario con l'Italia.

(Unioneonline/s.s.)

LEGGI ANCHE:

- LA GIORNALISTA CAGLIARITANA IN QUARANTENA

- IL CAGLIARI A VERONA

- SARDI ISOLATI NELLA ZONA ROSSA

- NELL'ISOLA LA MACCHINA DELL'EMERGENZA

- LA PREVENZIONE

- IL BILANCIO

- NUOVA ORDINANZA IN SARDEGNA

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...