CRONACA SARDEGNA - CAGLIARI

sanità

Più posti letto e 500 nuovi medici in Sardegna per l'emergenza virus

Attivata la fase 2, entrano in campo nuovi ospedali. E partono le assunzioni di 500 medici non specializzati
(ansa)
(Ansa)

Contagi e ricoveri aumentano, così in Sardegna scatta la "fase 2" dell'emergenza Covid, in base al piano strategico regionale per l'attivazione progressiva dei posti letto.

Saranno allestiti fino a 402 posti letto dedicati al Covid (al momento sono 260 quelli occupati tra degenze ordinarie e terapie intensive). Oltre all'attivazione di nuovi posti al San Francesco di Nuoro, al San Pietro di Sassari e al Santissima Trinità di Cagliari, sono stati attivati anche il Policlinico Sassarese e il Mater Olbia. E presto entreranno in scena anche il San Martino di Oristano e l'ospedale di Ghilarza.

A Cagliari la Regione vuole mantenere il Santissima Trinità (che oggi ha attivato il reparto Covid 4) come unico Covid hospital, soprattutto per la sua struttura a padiglioni che permette, al bisogno, di liberarli per fare spazio ai pazienti positivi trasferendo i pazienti non Covid.

Il governo ha anche dato il via libera per l'assunzione di 500 medici abilitati ma non specializzati, su richiesta dell'assessore della Sanità Mario Nieddu. Personale che, afferma lo stesso Nieddu, sarà assunto nei servizi di igiene pubblica e prevenzione.

"Vanno rafforzati perché si occupano dei tracciamenti immediati delle catene di contagio, decidono sui tamponi da somministrare, sulle quarantena e sugli isolamenti. Senza personale i tracciamenti di un positivo possono iniziare in ritardo, ma intanto i suoi contatti avranno fatto in tempo a trasmettere il virus", spiega l'assessore.

(Unioneonline/L)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}