CRONACA SARDEGNA - CAGLIARI

polemica

Solinas: "Il ricorso atto arrogante"
Dem sardi: "Ordinanza inapplicabile"

Il governatore a muso duro contro il Governo: "Abbiamo sempre agito per tutelare la salute di tutti"
villa devoto sede della giunta regionale (wikipedia)
Villa Devoto, sede della giunta regionale (Wikipedia)

"Ogni atto del presidente della Regione finalizzato a contrastare la diffusione del virus nel corso di questa emergenza sanitaria in Sardegna è stato adottato nell'esclusivo intento di garantire la piena tutela della salute pubblica, dei sardi e dei turisti. Nei mesi precedenti abbiamo lottato per affermare, nel rispetto della legalità e della legittimità, il diritto a salvaguardare la nostra Isola, preservando il risultato raggiunto di azzeramento della circolazione virale, ma il Governo ha opposto alle nostre legittime richieste ostacoli e dinieghi ingiustificati".

Risponde così il presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas all'impugnazione da parte del Governo dell'ordinanza da lui firmata nei giorni scorsi che prevede test per i passeggeri in entrata nell'Isola.

"Abbiamo sempre rivendicato la nostra autonomia, proponendo però, in ossequio al principio di leale collaborazione - prosegue Solinas - modelli di controllo da estendere all'intero territorio nazionale, nell'alveo delle migliori pratiche internazionali, da attuare in piena coerenza con le disposizioni di legge e le norme costituzionali".

"La scelta del ricorso conferma un atteggiamento arrogante e propagandistico che mira a soverchiare l'autonomia speciale e contrastare sul piano ideologico e non sostanziale l'azione di governo di una Regione - sottolinea ancora il governatore sardo - evidentemente non allineata, posto che misure decisamente più discriminatorie nei confronti dei sardi sono state adottate da Lazio, Campania e Puglia senza che il Governo dicesse niente o facesse ricorso".

"Difenderemo in tutte le sedi le nostre ragioni - conclude il governatore - perché dinanzi al tribunale della nostra coscienza non si possa dire d'aver lasciato nulla d'intentato per contenere la nuova diffusione del virus e tutelare la salute del Popolo Sardo. Altri, è evidente, dovranno certamente assumersi tutte le responsabilità del caso".

(Unioneonline/l.f.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}