ECONOMIA

più sardegna

Pastori sul piede di guerra: "Pronti a una nuova protesta a Cagliari"

"La guerra del latte non è finita: governo e Regione non possono far finta di niente"
una protesta degli allevatori (archivio l unione sarda)
Una protesta degli allevatori (archivio L'Unione Sarda)

Gli allevatori sardi di nuovo sul piede di guerra: dopo le proteste del 2019, sono pronti a marciare di nuovo su Cagliari. L'invito arriva dall'associazione "Più Sardegna", movimento degli operatori e dei consumatori della filiera agroalimentare della Sardegna.

"La politica nazionale e regionale - questo l'appello - non può far finta che non sia successo niente e che la guerra del latte sia finita".

"Il costo del lavoro del pastore - spiegano nelle loro richieste - e dei suoi coadiuvanti familiari, deve essere determinato in misura fissa e per questo non deve essere soggetto alle fluttuazioni del mercato".

Inoltre, vengono richiesti l'applicazione delle sanzioni previste a carico dei trasformatori caseari e l'obbligo di stipula di contratti triennali per determinare il prezzo del latte a inizio stagione, oltre che un intervento per la modifica del sistema di calcolo del costo medio di produzione del latte ovino, per tutelare il valore della prestazione lavorativa giornaliera e il reddito dei pastori/allevatori e delle loro famiglie.

"Pretendiamo la determinazione di un prezzo nazionale del latte ovino nazionale e di un borsino regionale che sia indipendente dalle oscillazioni del mercato dei formaggi ottenuti dalla sua trasformazione. In altri termini, i due prodotti devono essere considerati su due piani diversi così come i rispettivi mercati di riferimento. E' ora che le regole vengano cambiate e noi tutti uniti, possiamo cambiarle. Riteniamo che l'allevatore debba accollarsi esclusivamente il rischio imprenditoriale connesso alle oscillazioni del mercato del latte e non, come avviene oggi, quello derivante dall'andamento del mercato del formaggio ed in particolare del Pecorino Romano DOP, del quale dovrebbero farsi interamente carico i trasformatori industriali".

(Unioneonline/F)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}