CULTURA

Sassari

Scuola, i precari sardi scrivono a Mattarella: "Blocchi il decreto"

L'appello al capo dello stato per fermare "le drammatiche conseguenze del decreto scuola 2019"
(foto da google)
(foto da google)

La protesta dei 5mila precari della scuola sarda pronta ad approdare sulla scrivania del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Non avendolo potuto incontrare di persona a Sassari, i membri del Coordinamento precari autoconvocati hanno consegnato una lettera con le loro rivendicazioni al prefetto Maria Luisa D'Alessandro, che si è impegnata a farla pervenire al capo dello Stato. Lo hanno fatto questa mattina prima del sit-in organizzato davanti alla sede dell'Ufficio scolastico provinciale, in corso Angioy.

I docenti sardi si appellano al buon senso di Mattarella affinché intervenga per fermare "le drammatiche conseguenze del decreto scuola 2019, chiedendone il congelamento".

La legge contestata ha già portato allo sciopero di oltre 15.000 professori in tutta Italia, ma il ministro della la pubblica istruzione, Lucia Azzolina, "sembra aver deciso di ignorare il dissenso dei lavoratori e continuare con la sua crociata contro gli insegnanti precari", spiegano Andrea Faedda e Maria Grazia Del Giudice, rappresentanti del Coordinamento precari.

"Quella legge è iniqua - ribadiscono - e porterà all'esclusione dei sardi dalle procedure concorsuali ed abilitanti non per mancanza di meriti ma per questioni legate unicamente al territorio. Ci appelliamo al presidente Mattarella affinché si garantiscano pari opportunità e pari dignità a tutti i lavoratori della scuola, e affinché essere insegnanti in Sardegna non diventi un punto di penalità".

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...