CULTURA

Diritti umani

Disabilità psicosociale, il nuovo progetto dell'Università di Cagliari

L'iniziativa, presentata questa mattina a Cagliari, è coordinata dal docente Mauro Giovanni Carta
la presentazione alla fondazione di sardegna (foto unica)
la presentazione alla Fondazione di Sardegna (foto @UniCa)

Sostenere la società civile nella protezione dagli abusi e nella promozione dei diritti umani e delle libertà fondamentali attraverso programmi di ricerca e di intervento da attuarsi in Paesi extraeuropei: è questo l'obiettivo del progetto di ricerca "Empowering Persons with Psychosocial Disabilities to Fight for their Rights", presentato questa mattina alla Fondazione di Sardegna, a margine del meeting di apertura delle attività. L'iniziativa è coordinata da Mauro Giovanni Carta, docente dell'Università di Cagliari nell'ambito del programma europeo "European Instrument for Democracy and Human Rights”, con partner di primo piano quali, fra gli altri, l'Organizzazione Mondiale della Sanità e l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite sui Diritti Umani.

Un'altra immagine dalla presentazione (foto @UniCa)
Un'altra immagine dalla presentazione (foto @UniCa)

IL CONTESTO - Le persone con disabilità psicosociale sono pressoché ovunque stigmatizzate e discriminate, mentre le strutture deputate alla loro cura offrono spesso servizi di scarsa qualità. In questi luoghi sono frequentemente violati i diritti di chi dovrebbe essere curato, e questo ne ostacola la guarigione, la riabilitazione e il processo d'inclusione sociale. Condizioni di vita deprecabili, mancanza di igiene e sovraffollamento sono comuni, cosi come violenze, abusi, uso di pratiche coercitive e negligenza. L'Alto Commissario per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, nel gennaio 2017, ha raccomandato come prioritario il porre fine a queste violazioni. Per raggiungere questi obiettivi l'Organizzazione Mondiale della Sanità, ha sviluppato il "WHO QualityRights project", un'azione che supporterà l'inclusione sociale delle persone con disabilità psicosociale e le organizzazioni che ne difendono i diritti. Le Nazioni Unite hanno indicato il gruppo dell'Organizzazione Mondiale della Sanità che lavora al progetto "QualityRights", di cui fa parte l'Università di Cagliari, come il referente per gli Stati che volessero iniziare un percorso di cambiamento. In particolare, l'Ateneo ha messo a punto la metodologia e gli strumenti standardizzati per la valutazione della qualità delle cure centrata sui diritti degli utenti, per la messa in atto dei piani di miglioramento e per la misura del miglioramento stesso.

GLI OBIETTIVI - Il progetto condurrà una valutazione sulla qualità delle cure negli ospedali psichiatrici e in alcuni servizi di cure comunitarie di Ghana, Libano e Armenia attraverso l'approccio e gli strumenti del protocollo WHO Quality Rights. La scelta di questi tre Paesi è nata anche da precedenti relazioni costruite con partner di questi paesi che l’ateneo cagliaritano ha organizzato in collaborazione con la Fondazione di Sardegna nell'estate del 2016, evento che ha costituito una pietra miliare della crescita del movimento mondiale su Diritti Umani e Disabilità Psicosociale.

In programma, per ciascuna realtà, la realizzazione di una strategia di miglioramento. Il progetto curerà anche la formazione del personale e degli utenti per supportare i piani di cambiamento.

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...