CULTURA

Turismo religioso

Il cammino di San Saturnino fa tappa a Roma: appuntamento in Campidoglio

Il progetto turistico-religioso al centro di un convegno in programma domani nella Capitale
daniela noli (foto ufficio stampa)
Daniela Noli (foto ufficio stampa)

Dall'antico cammino di san Saturnino, che si snoda fra 10 centri della provincia di Cagliari, alla Via Francigena. Dalla Sardegna alla Lombardia e il Lazio: tre regioni italiane che quest'anno uniscono le forze per potenziare la promozione turistica dei territori, fra storia, cultura, enogastronomia e tradizioni, attraverso lo sviluppo di iniziative interregionali finalizzate alla valorizzazione dell'offerta turistica in ambito religioso, esaltando così percorsi, itinerari e paesi.

Dopo la presentazione a Milano del 12 ottobre scorso, il progetto turistico del Cammino di san Saturnino della Sardegna fa a tappa a Roma, dove è in programma domani (sala del Carroccio in Campidoglio, dalle 9.30) il convegno dal titolo "Il Cammino di San Saturnino alla luce dei percorsi storici. Dalla Sardegna al Lazio".

Un nuovo appuntamento per raccontare l’iniziativa che, partendo dall'antico cammino di san Saturnino che attraversa 10 centri della provincia di Cagliari, si snoda sino al Lazio e alla Lombardia.

Il progetto, curato dall'associazione pedagogica socio culturale Athanatos di Cagliari, farà poi rientro nell'Isola, dove sarà presentato il 26 ottobre a Cagliari (Fondazione di Sardegna, dalle 9) durante un terzo e ultimo convegno che darà il via a una serie di manifestazioni che culmineranno il 30 ottobre, giorno in cui si festeggia il martire cristiano, patrono del capoluogo sardo.

"Il Cammino cresce sempre più sbarcando in Lombardia e nel Lazio", spiega Daniela Noli, presidente dell'associazione pedagogica socio culturale Athanatos che cura l'evento. "L'intento è quello di rafforzare la promozione della nostra Isola e delle altre regioni attraverso lo sviluppo di iniziative interregionali finalizzate alla valorizzazione dell'offerta turistica in ambito religioso, esaltando percorsi, luoghi e paesi spesso meno conosciuti e mettendo naturalmente in vetrina le eccellenze enogastronomiche con il prezioso contributo della Coldiretti e di Donne impresa Coldiretti Sardegna”.

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...