#CARAUNIONE

La lettera del giorno

"Suinicoltura sarda, un settore condannato a sparire?"

"Il mestiere di suinicoltore garantisce direttamente a migliaia di famiglie dei posti di lavoro, ma senza aiuti concreti rischia di scomparire"
(archivio l unione sarda)
(archivio L'Unione Sarda)

"Cara Unione,

ristoranti che lavorano al 20% delle loro possibilità, aiuti economici irrisori e che tardano ad arrivare, prezzo di vendita in caduta libera e aumento spropositato dei cereali e dei mangimi finiti aumentati almeno di 4 euro a quintale in meno di un anno ed ultimo, ma non per importanza, il blocco delle esportazioni di carne e derivati dai suini da ben 10 anni.

Questa è la ricetta perfetta per eliminare definitivamente un settore con molte potenzialità come la suinicoltura sarda che vanta diversi prodotti di nicchia: tra le sue file contiamo il prosciutto, la salsiccia tradizionale e ultimo ma non per importanza il prelibato maialetto da latte sardo, tratto caratteristico della cucina isolana e ricercatissimo dai turisti che approdano in Sardegna durante il periodo estivo ma anche il piatto tipico delle feste come matrimoni o i semplici ritrovi di parenti ed amici, ad oggi in netto calo visto la situazione pandemica che il mondo sta affrontando in questo difficile momento.

Il mestiere di suinicoltore garantisce direttamente a migliaia di famiglie dei posti di lavoro, per non parlare di quelli che sostiene indirettamente connessi all’attività come veterinari, commercianti, ristoratori, agricoltori, venditori di attrezzatura e quant’altro.

Se la regione e lo stato non ci danno aiuti concreti ed immediati sia economici, ma anche per la rimozione dell’embargo, il rischio è quello di un effetto domino, con il settore suinicolo che sprofonda nel baratro portandosi con sè anche altre attività ad esso collegate, con un inevitabile innalzamento della soglia dei disoccupati a livello regionale".

Tullio Congiu - presidente del Consorzio Suinetto del Gerrei

***

Potete inviare le vostre lettere, segnalazioni e contenuti multimediali a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che esprimono opinioni, denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}