#CARAUNIONE

la lettera del giorno

"Siniscola, la burocrazia che non ci permette di fare kitesurf in sicurezza"

L'accorato appello al primo cittadino
(foto concessa)
(Foto concessa)

Cara Unione,

purtroppo ancora una volta la "burocrazia", quella più odiosa e a tratti incomprensibile, legata ai comuni , nella fattispecie quello di Siniscola, ha fatto in modo che ad oggi 2 luglio 2020 nella spiaggia della Caletta non solo non sia stata installata la corsia di uscita per i kite, ma non sia stata delimitata con due semplici cartelli neanche la zona kite, che deve essere necessariamente "dotata" di zona ombreggio e area riservata al montaggio e smontaggio dei kite.

Cose sempre presenti oltre che indispensabili, grazie alla presenza della Associazione Sportiva "Kite surf La Caletta" che vanta più di 50 iscritti.

L’assenza prolungata di queste strutture a terra non può che creare confusione e fastidiose incomprensioni, non solo fra gli addetti ai lavori. Per questo faccio un accorato appello al sindaco di Siniscola che può, solo lui, con una deroga già concessa per gli stessi motivi gli anni scorsi , porre fine a questa situazione inaccettabile da parte di chi come me fa sacrifici, chilometri e spese, compreso pagare il parcheggio per poter stare in acqua a fare kite in sicurezza e serenità ,

E per tante persone che con cura e passione hanno fatto di questo sport un lavoro. In attesa di una risposta spero positiva da parte sua le porgo i miei più rispettosi saluti

Cambosu Marco

***

Potete inviare le vostre lettere, segnalazioni e contenuti multimediali a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che esprimono opinioni, denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}