#CARAUNIONE

la lettera del giorno

"Il registro cartaceo nelle scuole non è per forza sinonimo di garanzia"

Un insegnante di Cagliari torna a parlare della "battaglia" del maestro Scano
un aula (archivio l unione sarda)
Un'aula (Archivio L'Unione Sarda)

"Gentile redazione,

sono un insegnante e da tempo seguo con attenzione la 'battaglia' del maestro Scano contro l'utilizzo del Registro elettronico per la tutela della privacy dei suoi alunni.

Premesso che conosco personalmente il maestro in questione e che nutro per lui il massimo rispetto per la sua serietà e professionalità, premesso inoltre che personalmente ritengo il Registro cartaceo più economico e semplice da utilizzare, è da precisare che quest'ultimo non è sinonimo di maggiore custodia dei dati sensibili/personali degli alunni.

A tal proposito sono da ricordare i numerosi casi di Registri dati alle fiamme o sequestrati alla scuola da ragazzi più o meno annoiati. E che dire allora dei compiti in classe che abitualmente vengono corretti dagli insegnanti nella serenità della quiete domestica?

Il portale in questione che gestisce il Registro elettronico invece è un'azienda che gode di numerose certificazioni e nella quale, come da Regolamento europeo, vi è un titolare e un responsabile (conosciuti), del trattamento dati.

Infine, esiste un regolamento di istituto deliberato dal Collegio dei docenti che va seguito così come fanno tutti gli altri docenti: 'Dura lex sed lex'".

Carlo Pozzo - Cagliari

***

Potete inviare le vostre lettere, segnalazioni e contenuti multimediali a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che esprimono opinioni, denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...