SPORT - BASKET

Basket in carrozzina,

Porto Torres ko col Santo Stefano. Per la Dinamo Lab preziosa vittoria interna sulla Roma

la dinamo lab in campo con la santa lucia roma (foto canu dinamobasket com)
La Dinamo Lab in campo con la Santa Lucia Roma (Foto Canu/ dinamobasket.com)

Le sfide giocate nella quinta e ultima giornata prima della lunga sosta invernale hanno rivoluzionato la classifica della massima serie di basket in carrozzina. Le due sarde, entrambe impegnate in casa, hanno ottenuto risultati opposti. Il Gsd Porto Torres è stato fermato 79-83 dal Santo Stefano Avis, formazione con cui condivideva la seconda posizione, mentre la Dinamo Lab ha superato il S.Lucia Roma all'overtime.

Alle spalle della capolista Cantù, che non ha frenato la propria corsa e a Giulianova ha centrato il sesto successo consecutivo (55-72), è rimasto dunque il S.Stefano, corsaro a Porto Torres.

I marchigiani, dopo una prima fase di studio, hanno chiuso la prima frazione avanti 14-26 e raggiunto il massimo vantaggio all'inizio della seconda (16-29), finita 38-64 grazie alla reazione avuta dai turritani Falchi, Filipski e Mosler. Nel terzo quarto, quando si è aggiunto anche Bandura, gli uomini di coach Sene hanno persino agguantato il momentaneo pareggio (51-51). Un attimo di quiete prima della fiammata degli ospiti, volati sul più otto a ridosso della terza sirena (55-63) e sul più dieci a inizio quarto.

La Key Estate, però, non ha mollato la presa e fino all'ultimo ha tentato di cambiare le sorti della gara. "È stata una partita molto intensa e giocata senza esclusione di colpi. Sono orgoglioso della mia squadra, perché siamo in crescita, siamo sempre più uniti e credo si possa migliorare ancora", ha evidenziato il presidente del Gsd, Bruno Falchi.

"Il S.Stefano, a parer mio seconda forza a pieno titolo per roster e talento, non perdona. Noi abbiamo avuto la grande forza di rientrare dopo un break pesantissimo e da questa reazione ripartiamo in vista del difficile impegno in casa del Cantù".

Al Palaserradimigni, contro il S. Lucia Roma, la Dinamo Lab ha provato subito a prendere le redini del gioco e lo ha fatto arrivando al giro di boa avanti 32-29 dopo due frazioni convincenti (18-12 e 14-17).

Negli ultimi due quarti, però, i romani hanno alzato i ritmi e sono riusciti a rimanere testa a testa con i sassaresi, tanto da arrivare alla terza sirena sotto di uno (44-43) e alla quarta in parità (59-59).

Nei cinque minuti di overtime, tuttavia, la squadra di coach Raimondi ha avuto la freddezza necessaria per fare la differenza e Gomez e Butkevicius hanno allungato fino al 70-65 finale.

Gsd Porto Torres: Jimenez Gonzalez, Bandura 8, Puggioni 7, Mosler 32, Filipski 21, Falchi 9, Canu n.e., Sargent 2, Elia n.e. Allenatore Lamine Sene

Parziali: 14-26, 24-20, 17-17, 24-20.

Dinamo Lab: Raimondi 14, Spanu 8, Arghittu, Gomez 25, Arena, Serio 9, Butkevicius 14, Langiu, Gaias, Tamausaskas. Allenatore Fabio Raimondi.

Parziali: 18-12; 14-17;12-14; 15-16; ot 11-6.

Classifica: Cantù 12; S.Stefano 10; Gsd Porto Torres 8; S.Lucia Roma e Giulianova 6; Dinamo Lab 4; Montello 2; Varese 0.

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...