SPETTACOLI

A processo

Johnny Depp in aula a Londra: "Non sono un picchiatore di mogli"

"Ho avuto dei momenti di rabbia, ma non colpirei mai una donna", si è difeso l'attore
johnny depp (foto ansa epa)
Johnny Depp (foto Ansa/Epa)

Johnny Depp è da oggi davanti all'Alta Corte di Londra: si apre l'udienza nella causa da lui intentata contro il tabloid "The Sun". Per tre giorni potrà difendersi dall’accusa di violenza coniugale nei confronti dell'ex moglie Amber Heard.

Il dibattimento, che durerà invece tre settimane, sarà celebrato "a scaglioni" in 5 aule della Royal Court Of Justice per rispettare il distanziamento sociale.

"Non colpirei mai una donna, in nessuna circostanza - ha spiegato Depp - fa parte del mio codice morale. Lo trovo semplicemente inconcepibile e non accadrà mai...".

Nel 2018, poco dopo il divorzio tra l'attore e Amber Heard, "The Sun" aveva etichettato "capitan Jack Sparrow" come un "picchiatore di mogli".

Ed è proprio per demolire quella che lui definisce una "falsa definizione" che l'attore ha scelto di salire sul banco dei testimoni.

Di fronte ai video, circolati anche in rete nei mesi scorsi, in cui risultavano evidenti i momenti di rabbia di Depp verso l'ex moglie, lui ha ammesso alcuni attimi di debolezza negando però di aver mai colpito Amber.

Quindi la star di "Pirati dei Caraibi" ha riportato a sua difesa le numerose angherie subite dall'ex moglie.

"Ho deciso di divorziare alla fine di una lunga serie di attacchi subiti - ha spiegato - quando Amber e alcuni suoi amici hanno defecato nel nostro letto”.

"Oggi sono convinto - ha aggiunto ancora - che sia entrata nella mia vita per portarmi via tutto ciò che aveva valore e distruggerne i resti".

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}