SALUTE

Per approfondire

Virus cinese, i consigli dell'esperto: "Ecco come difendersi"

Attenzione al microbiota intestinale, minacciato dall'uso improprio di antibiotici
immagine simbolo (foto da google)
Immagine simbolo (foto da Google)

"Tutte le infezioni, comprese quelle da virus respiratori" come il nuovo coronavirus che sta circolando in Cina, "dipendono in qualche modo da un microbiota ben strutturato. Nel senso che il nostro microbiota intestinale originario ci protegge da altre infezioni, producendo sostanze ad attività antibatterica e antivirale. Il microbiota ha un enorme ruolo nell'educazione e nel controllo dell'efficacia del sistema immunitario". Antonio Gasbarrini, professore di Gastroenterologia dell'università Cattolica del Sacro Cuore e direttore dell'Unità operativa complessa di Medicina interna e Gastroenterologia della Fondazione Policlinico Gemelli Irccs di Roma, accende i riflettori su quello che è stato battezzato "l'organo invisibile", al centro ormai da anni di un numero crescente di studi.

E che potrebbe rivelarsi un alleato imprescindibile per combattere virus di una certa violenza, come quello che si sta pericolosamente diffondendo in Cina.

Studi "ci dicono chiaramente - spiega l'esperto - che un microbiota danneggiato non ci protegge dalle infezioni". "Un esempio semplice: c'è un'infezione che è devastante negli ospedali italiani e di tutto il mondo, si chiama infezione da Clostridium difficile. Il Clostridium difficile è un battere che dà una colite fulminante, la quale è una delle prime cause di morte degli anziani ricoverati negli ospedali italiani. Questo Clostridium difficile normalmente è contrastato dai batteri buoni del microbiota. Quando l'anziano fa un'antibioticoterapia protratta che abbatte tutti i batteri buoni, il clostridium che è antibiotico-resistente prende il sopravvento. Si chiama 'patobionte', cioè cresce troppo".

"Questo è un esempio", prosegue Gasbarrini, "ma ce ne sono numerosissimi altri. Quasi tutte le infezioni degli anziani - urinarie, polmonari, gastrointestinali che sono le cause di sepsi e setticemia - vengono proprio perché i batteri buoni sono andati via, spesso distrutti da un uso sconsiderato di antibiotici".

Ma che cos'è questo micriobiota? "È una grande biomassa di batteri, miceti e virus - spiega ancora Gasbarrini - che contamina tutte le superfici di contatto del corpo verso l'esterno: apparato digerente, cute, bocca, apparato genitourinario e intestinale. Questa biomassa, che nell'intestino pesa più di un chilo, ha proprio la funzione di contrastare le infezioni. Ha un ruolo fondamentale".

Gasbarrini avverte: "Dobbiamo stare molto attenti a non danneggiare troppo il microbiota e spesso siamo proprio noi i colpevoli, perché usiamo farmaci in maniera sconsiderata o perché non abbiamo una dieta adeguata e ricca in fibre".

Il messaggio è dunque che bisogna avere cura degli "inquilini microscopici" che ci abitano e invecchiano con noi, riepiloga lo specialista. Pur non comparendo su nessuna carta anatomica, infatti, sono "alleati fondamentali. I nostri batteri amici ci proteggono da potenziali invasori".

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...