POLITICA

da pechino

Conte in Cina: "Libia, né con Haftar né con Serraj". E su Siri: "Dimissioni? Vediamo quando torno"

Il presidente del Consiglio, unico leader G7, al summit internazionale per rilanciare la Via della Seta

Anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte a Pechino, unico dei leader dei Paesi del G7, per il summit internazionale Belt and Road Forum for International Cooperation organizzato a Pechino.

Assieme a lui, ospiti del governo cinese, altri 37 capi di Stato e di governo, tra cui Vladimir Putin, in un summit utile a consolidare i rapporti commerciali e le partnership su quella che è stata ribattezzata la "Nuova via della Seta".

Una presenza, quella del premier di Roma, che ha suscitato qualche malumore nell'Ue, tanto che il ministro delle Finanze tedesco Peter Altmeier, ha sottolineato come i grandi Paesi sarebbero d'accordo a non firmare accordi bilaterali con la Cina, ma solo sotto il cappello europeo.

Il capo del Governo ha però rassicurato: "L'Italia è un avamposto dei principi europei, gli altri Paesi possono stare tranquilli". Aggiungendo: "Da quando abbiamo iniziato la nostra esperienza di governo pensiamo a lavorare e non alimentare polemiche".

Da Pechino Conte ha anche parlato dei principali temi della politica estera, a cominciare dalla guerra che in Libia oppone il governo Al Serraj di Tripoli e le milizie del generale Haftar.

"Non siamo né a favore di Haftar né a favore di Serraj - ha spiegato il premier - ma a favore del popolo libico, riteniamo che il popolo libico stia aspettando da troppo tempo, che abbia il diritto di vivere in pace".

Il numero uno di Palazzo Chigi ha anche commentato le polemiche sul caso Siri - il sottosegretario leghista coinvolto in un'inchiesta per corruzione - e le tensioni tra Movimento 5 Stelle, che ne sta chiedendo a gran voce le dimssioni, e il Carroccio di Matteo Salvini, che invece difende il suo esponente a spada tratta.

Una differenza di vedute che potrebbe presto costringere Conte alla presa di posizione.

"È chiaro - ha precisato il presidente del Consiglio - che quando riassumerò la posizione del responsabile del governo, la considerazione umana verrà tenuta in conto, ma non sarà determinante".

Il faccia a faccia con Siri è però rimandato al ritorno del premier.

Tra i due, per ora, solo un colloquio telefonico.

La resa dei conti è, dunque, solo rimandata.

(Unioneonline/l.f.)

LE IMMAGINI:

cina un summit per rilanciare la via della seta
Cina, un summit per rilanciare la Via della Seta
tra gli ospiti anche il presidente del consiglio italiano giuseppe conte
Tra gli ospiti anche il presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte
l arrivo del premier
L'arrivo del premier
conte con xi jingping
Conte con Xi Jingping
i lavori del summit
I lavori del summit
la foto di gruppo
La foto di gruppo
l atmosfera sfarzosa
L'atmosfera sfarzosa
tra gli ospiti anche il leader russo vladimir putin
Tra gli ospiti anche il leader russo Vladimir Putin
(le foto sono dell ansa)
(Le foto sono dell'Ansa)
di

IL DISCORSO DI XI - VIDEO:

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...