CRONACA - ITALIA

alessandria

Cadavere bruciato nel giardino della villa, il figlio confessa

Il 23enne è crollato e ha raccontato di aver ammazzato il padre
un carcere (archivio l unione sarda)
Un carcere (Archivio L'Unione Sarda)

"Sono stato io". Alla fine è crollato il figlio di Pietro Beccutti - detto Paolo -, il 61enne il cui cadavere carbonizzato è stato ritrovato nel giardino della sua villa di Casale Monferrato, nell'Alessandrino.

Il giovane, 23 anni, ha confessato e ora si trova in carcere a Vercelli.

Il corpo del padre, irriconoscibile, sarebbe stato dato alle fiamme nel tentativo probabilmente di cancellare le prove del delitto. Un mistero fino a qualche ora fa per gli inquirenti che nell'abitazione non hanno trovato segni di lotta o di effrazione.

Ma l'attenzione degli investigatori, dopo i primi momenti, si era concentrata nel campo delle conoscenze della vittima.

(Unioneonline/s.s.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}