CRONACA - ITALIA

il bollettino medico

Zangrillo: "Berlusconi in condizioni confortanti, ma è un paziente a rischio"

Le parole del medico del San Raffaele che sta curando il leader di Forza Italia
alberto zangrillo
Alberto Zangrillo

Le condizioni di Silvio Berlusconi sono "confortanti". Parola di Alberto Zangrillo, il medico che sta curando il Cav all'ospedale San Raffaele di Milano.

Il tampone cui è stato sottoposto il leader di Forza Italia il 2 settembre "era programmato", continua Zangrillo, che di Berlusconi è anche medico personale.

"Abbiamo rilevato una positività in un soggetto che ho definito asintomatico. Nel volgere di qualche ora, nella giornata di ieri, in una situazione di assoluta tranquillità, ho ritenuto di fare una visita e nell'ambito di questa visita ho rilevato un blando coinvolgimento polmonare", continua. Di qui il ricovero.

Non è stato facile convincere il Cav: "Ho dovuto insistere per ricoverarlo, soprattutto stanotte. Ma l'uomo è pronto e intelligente, alla fine ha convenuto ed è contento della decisione presa. Mi sono imposto nell'istituire un regime che comporti il riposo assoluto, che probabilmente ciò di cui più necessita".

Una polmonite, quella del leader di Forza Italia, "individuata precocemente, allo stato iniziale", che il San Raffaele sta trattando con le terapie medicinali in uso per l'infezione da SarsCoV2. "Il regime di ricovero è normale, in una camera che risponde ai requisiti delle leggi regionali in merito alla tutela di terzi e del paziente, che non è intubato e respira autonomamente".

Pur riconoscendo la delicata situazione di un uomo di quasi 84 anni con malattie pregresse, che richiede "la massima cautela", Zangrillo si dice "ottimista" per i prossimi giorni.

"Il ricovero di Silvio Berlusconi - spiega Zangrillo - è stato ritenuto necessario proprio perché soggetto a rischio per l'età e le patologie precedenti, ma la situazione clinica è tranquilla e confortante".

Il medico ha aggiunto che il Cav resterà sicuramente qualche giorno in ospedale. Quanto all'umore del leader di Forza Italia: "Non è dei migliori - spiega il medico -, e neanche il mio".

BARBARA: "NON SONO IO L'UNTRICE" - "Nei giorni in cui vivo momenti di grande angoscia per la salute di mio padre penso sia disumano essermi trovata su tutti i media come l'untrice ufficiale della persona a cui voglio più bene. Vorrei proprio capire su quali basi sono stata indicata con certezza come la responsabile", ha detto la figlia del Cav, anche lei positiva al SarsCov2, in un'intervista al Corriere.

"Dopo tre tamponi e un test sierologico negativi è molto improbabile che papà abbia preso il Covid 19 da me. Lui è risultato positivo molto dopo, e ultimamente il periodo di incubazione del virus si è ridotto", ha proseguito Barbara Berlusconi.

La figlia dell'ex premier contesta soprattutto le ricostruzioni sulla sua estate passata tra feste con poche precauzioni: "Non ci sto a sentirmi dire questo. Non mi riconosco in questa specie di ritratto. Non ho condotto alcuna vita sregolata in Sardegna. Le volte che sono uscita la sera in tre mesi si possono contare sulle dita di una mano. Mai come quest'anno sono stata praticamente sempre a Villa Certosa: altro che movida. Pannolini, piuttosto".

(Unioneonline/L)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}