CRONACA - ITALIA

Latina

Estorsione con metodo mafioso: arrestato un ex consigliere del Lazio

Gina Cetrone è finita in manette assieme al marito
gina cetrone (foto facebook)
Gina Cetrone (foto Facebook)

Guai per l'ex consigliere del Lazio Gina Cetrone.

È finita in manette assieme ad altre quattro persone per estorsione, atti illeciti di concorrenza e violenza privata, aggravata da metodo mafioso.

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti l'ex Pdl e il marito (Umberto Pagliaroli), nell'aprile del 2016, chiesero l'intervento di Samuele e Gianluca Di Silvio e Agostino Riccardo per la riscossione del credito "vantato nei confronti di un imprenditore dopo avere 'incassato' l'autorizzazione di Armando Di Silvio detto Lallà, capo dell'associazione di stampo mafioso".

Cetrone e Pagliaroli avrebbero convocato l'imprenditore a casa loro intimandogli il pagamento immediato della somma di denaro dovuta.

"In questo contesto - dicono gli inquirenti - i Di Silvio e Riccardo minacciavano l'imprenditore prospettando conseguenze e ritorsioni".

Un'azione violenta che, stando all'accusa, avrebbe ottenuto risultati immediati: il giorno successivo la vittima dell'estorsione si è recata in banca e dietro "la stretta sorveglianza dei Di Silvio e Riccardo" che lo attendevano fuori dalla filiale, ha effettuato un bonifico di 15mila euro in favore della società di Cetrone e Pagliaroli. Non solo: "per il disturbo" l'imprenditore consegnò ai tre anche 600 euro.

(Unioneonline/M-D)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...