CRONACA - ITALIA

ritrovato in siria

È tornato in Italia il bimbo rapito dalla mamma foreign fighter

Il piccolo è atterrato a Fiumicino con un volo da Beirut: l'abbraccio con il padre e le sorelle

È tornato oggi in Italia AlvinBerisha, il bimbo di 11 anni di origine albanese portato via da Barzago, in provincia di Lecco, nel dicembre del 2014 dalla mamma che voleva unirsi all'Isis.

La donna, Valbona Berisha, radicalizzata via web in Italia e divenuta foreign fighter, è poi morta in una esplosione.

Alvin con le due sorelle che l'hanno accolto a Fiumicino (Ansa - Cri)
Alvin con le due sorelle che l'hanno accolto a Fiumicino (Ansa - Cri)

Il piccolo era finito invece nel campo profughi di Al Hol, a nord est della Siria, dove è stato ritrovato a luglio dopo complesse ricerche dello Scip della Polizia e del Ros dei carabinieri, e riconosciuto grazie a una foto e a un dettaglio fisico dal padre Afrim.

In questi giorni è stato prelevato da Al Hol con un'operazione non priva di rischi e trasferito fino a Damasco, dove poi ha raggiunto l'ambasciata italiana a Beirut.

Alvin a Fiumicino (foto Polizia)
Alvin a Fiumicino (foto Polizia)

Oggi finalmente l'atterraggio nel nostro Paese, intorno alle 7 del mattino, all'aeroporto di Fiumicino: in jeans, giubbotto blu e cappellino rosso, appena sceso dall'aereo Alitalia ha riabbracciato il padre e le due sorelle.

La Polizia di frontiera sta procedendo per il disbrigo delle formalità burocratiche e per le procedure di affidamento del minore al padre.

(Unioneonline/D)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...